16.2 C
Milano
giovedì, 5 Agosto 2021

Piazza Duomo tricolore con gli alpini

La Messa che si celebra nella prossimità del Natale in Duomo, a Milano, fu voluta da Peppino Prisco, reduce di Russia, battaglione L'Aquila, in suffragio dei Caduti alpini. Lo stesso Prisco fu per anni l'oratore ufficiale sul sagrato, al termine della Messa. La Messa di Natale è diventata col tempo un appuntamento tradizionale non solo per gli alpini della sezione di Milano ma per gli alpini tutti e per i semplici cittadini. Quest'anno la celebrazione ha assunto una veste particolarmente solenne, non soltanto per la presenza di una sessantina di vessilli e centinaia di gagliardetti, della fanfara della brigata Taurinense e di un picchetto d'onore, ma di una cinquantina di gonfaloni di città lombarde, a testimonianza della vicinanza delle istituzioni agli alpini.

Nel Duomo di Milano tradizionale Messa per i Caduti. Collegamento in diretta con gli...

Domenica 12 dicembre ci sarà il tradizionale appuntamento per la S. Messa di Natale nel Duomo di Milano, voluta da Peppino Prisco a ricordo degli Alpini e dei Caduti in guerra e in pace. La manifestazione inizierà alle ore 9 in Piazza del Duomo e alle 9.30 sarà celebrata la S. Messa in Duomo accompagnata dal Coro ANA Milano.

In migliaia alla Messa nel Duomo di MilanoMessa in Duomo

Di anni ne sono passati dal Natale del 1956, quando fu celebrata per la prima volta nella piccola chiesa di San Sebastiano, in via Torino a Milano, una Messa a suffragio dei Caduti, voluta da Peppino Prisco, alpino reduce di Russia. Cinquantaquattro anni dopo, domenica 13 dicembre, piazza Duomo e la cattedrale erano gremite: tanti alpini ma anche tanta gente comune hanno partecipato alla Messa, concelebrata da mons. Angelo Bazzari, presidente della Fondazione don Gnocchi e da mons. Luigi Manganini che al termine della funzione ha annunciato che una statua del beato alpino sarà posata sul Duomo.

Santa Messa a suffragio dei Caduti nel Duomo a Milano

Domenica 13 dicembre, tradizionale Santa Messa in Duomo a ricordo degli Alpini e di tutti i Caduti in guerra e in pace.

Messa di Natale del cardinale Tettamanzi pensando alla beatificazione di don Gnocchi

Messa solenne in Duomo, a Milano, per un Natale alpino che rinnova un impegno di fede e di memoria insieme. Un appuntamento divenuto tradizione, che ogni anno acquista significato associativo e civile, testimoniato dalla crescente partecipazione di vessilli e gagliardetti, ma anche di Gonfaloni di Comuni non solo lombardi la cui storia è legata a quella degli alpini.

Gli alpini in Duomo a Milano

Domenica 14 dicembre gli alpini hanno partecipato alla tradizionale S. Messa di Natale in Duomo, organizzata dalla sezione ANA di Milano. Schierati sul sagrato della cattedrale c'erano il Labaro dell'Associazione, scortato dal comandante delle Truppe alpine generale Bruno Petti, dal presidente nazionale Corrado Perona e dai consiglieri nazionali. Tutt'attorno decine di vessilli e gagliardetti in rappresentanza delle sezioni e dei gruppi dell'ANA, un reparto in armi, la Fanfara della brigata Taurinense e la fanfara storica della sezione ANA di Vicenza.

S. Messa in Duomo in ricordo dei Caduti

Domenica 14 dicembre tradizionale appuntamento per la S. Messa di Natale in Duomo, celebrata dall'arcivescovo di Milano cardinale Dionigi Tettamanzi, a ricordo degli alpini e dei Caduti in guerra e in pace.

Il 16 dicembre S.Messa di Natale in Duomo

Domenica 16 dicembre tradizionale appuntamento per la S. Messa di Natale in Duomo, a ricordo degli alpini e dei Caduti in guerra e in pace.

Milano In Duomo la tradizionale Messa per i Caduti alpini

Come è ormai tradizione, organizzata dalla Sezione di Milano, gli alpini hanno celebrato il Natale con una S. Messa a suffragio dei Caduti. In piazza Duomo era schierato un reparto degli alpini in armi con la fanfara della brigata alpina Taurinense.

Messa di Natale celebrata dal cardinale Tettamanzi

Il cardinale Dionigi Tettamanzi ha officiato la tradizionale Messa di Natale che ogni anno viene celebrata in Duomo per gli alpini, presente il nostro Labaro. C'erano i vertici della Associazione, con il presidente nazionale Corrado Perona, il Consiglio direttivo nazionale al completo, il comandante delle Truppe alpine generale di Corpo d'Armata Ivan Felice Resce, il comandante della Scuola militare alpina (come noi continueremo a chiamarla) gen. Finocchio, il col. Biagini della Taurinense e il col. Romitelli della Julia. Prestava servizio d'onore un reparto in armi con la Fanfara della Taurinense.

Celebrata in Duomo a Milano la Messa di Natale officiata dal cardinale Tettamanzi a...

La celebrazione, in Duomo a Milano, di una S.Messa in occasione del Natale, a suffragio degli alpini caduti in terra di Russia e officiata poi per tutti i Caduti fa ormai parte d'una tradizione molto cara. Una tradizione avviata da Peppino Prisco, che era l'oratore ufficiale al termine del rito ed il cui ricordo è ben vivo in tutti gli alpini. Domenica 12 la Messa è stata celebrata dal cardinale Dionigi Tettamanzi, presente il nostro Labaro con il presidente nazionale Corrado Perona, il comandante delle Truppe alpine ten. generale Bruno Iob, tutti i consiglieri nazionali, i generali Graziano, comandante della Taurinense e Finocchio, comandante della Scuola militare alpina di Aosta, il vice presidente del Consiglio regionale Piergianni Prosperini e l'assessore Giovanni Bozzetti in rappresentanza del sindaco Albertini e i Gonfaloni di Milano, decorato di medaglia d'Oro al V.M, della Regione, della Provincia e di trenta Comuni.

S. Messa in Duomo 2004

ULTIMI ARTICOLI

L’Alpino settimanale televisivo (Puntata 187 – 02-08-21)

SOMMARIO - Memoriale di Pala - Monte Suello il periodico della sezione di Salò - Sezione Vallecamonica: "Ora inizia un nuovo secolo" - Adamello: 42 scarponi nella storia