Gli alpini che non tornarono

    0
    10

    Quest’anno ricorre il 60 della partenza delle nostre divisioni per il fronte russo. Per commemorare quella tragica odissea ho voluto regalare al gruppo ANA di Dronero (Cuneo) l’ingrandimento di una fotografia custodita da mia madre di un gruppo di alpini, tutti di Dronero, che facevano parte dell’omonimo battaglione. Ho coronato il quadro con una stella alpina per ognuno di essi, tra i quali anche un mio fratello: di essi non tornato nessuno.
    Sono a mia volta artigliere alpino che per et non ha fatto la guerra e ho due figli, a loro volta alpini.


    Francesco Perotti Torino


    Di estrema delicatezza il tuo pensiero: ho guardato a lungo la foto e non ho potuto fare a meno di commuovermi nel vedere quel gruppo di baldi giovani in procinto di essere travolti dall’immane tragedia che incombeva su di loro.
    Tutti sappiamo cosa significa Cuneense nel quadro della storia nazionale: il tributo pagato dai suoi alpini ne fa veramente una divisione martire, senza nulla togliere, ovvio, alle due divisioni consorelle.