Napoleone distrugge e Cavour ricostruisce

    0
    5

    Quando il forte di Bard si arrese, Napoleone ordinò che fosse demolito…

    … Sulla nuda roccia del pendio, levigata dagli antichi ghiacciai, ritornarono le giovani spose per il tradizionale rito di fertilità, la scivolata… a culopatin (dai registri parrocchiali non risulta però che il tasso di natalità abbia subito incremento).
    Trent’anni dopo viene avviata la ricostruzione e Carlo Felice di Savoia trasferisce
    a Bard un tenente del genio militare in forte odore di eresia politica, Camillo Benso di Cavour. Quella tediosa vita di confino, appena variata da un filarino agreste con una bellezza locale, induce il giovane ufficiale a presentare le dimissioni. Rientrato a Torino, si butta nella vita politica con i risultati che tutti sanno. Il Risorgimento italiano deve qualcosa al forte di Bard