Oltre 7mila partecipanti al raduno dedicato al battaglione alpini L’Aquila

0
617

Il 2019, decennale dal sisma del 2009 che ha colpito L’Aquila e i Comuni del Cratere, è l’anno nel quale ricorrono il centenario della fondazione dell’Associazione Nazionale Alpini e il 90° dalla fondazione della Sezione Abruzzi dell’ANA. Il Comitato Organizzatore del 4° Raduno “Ricordando il Battaglione Alpini L’Aquila”, presieduto dall’alpino Gian Paolo De Rubeis e coordinato dall’alpino Fernando Vaccarelli ha ritenuto di aderire alle celebrazioni del decennale dal sisma 2009, promosso dal Comune de L’Aquila, con l’omaggio e il ringraziamento a tutti i Volontari della Protezione Civile ANA che hanno prestato servizio a L’Aquila e nei Comuni del cratere nel 2009. TUTTI INSIEME 10 ANNI DOPO è stato il motto del Raduno che si è tenuto a L’Aquila dal 13 al 15 settembre scorso per il quale il Comitato Organizzatore della 1ª e 2ª Zona della Sezione Abruzzi hanno avuto il patrocinio del Comune dell’Aquila, della Regione Abruzzo, della Provincia dell’Aquila e del Consiglio Regionale dell’Abruzzo oltre al riconoscimento della Sezione ANA Abruzzi.  

La manifestazione si è svolta con numerosi eventi pubblici, convegni e momenti solenni di memoria per le vittime del Sisma 2009 e riconoscimento alla memoria di alpini illustri aquilani come il m.llo G. Vaccarelli, cui hanno partecipato in particolare il Prefetto de L’Aquila Giuseppe Linardi, il sindaco del Comune de L’Aquila Pierluigi Biondi, il Presidente Nazionale dell’ANA Sebastiano Favero il Comandante delle Truppe Alpine gen. Claudio Berto, il Capo del Dipartimento della Protezione Civile Ing.Angelo Borrelli, il Comandante del 9° Reggimento Alpini Paolo Sandri, l’On. Stefania Pezzopane, il Sen. Gaetano Quagliarello, il Presidente dell’ANA Sezione Abruzzi Pietro D’Alfonso, la Presidenza del Consiglio Regionale dell’Abruzzo, rappresentata dal Vice Presidente Roberto Santangelo, i Sindaci Francesco di Paolo (Barisciano) e Paolo Federico (Navelli) in rappresentanza di tutti i Comuni del cratere sismico 2009, l’ex sindaco Massimo Cialente, l’ing. Sergio Basti ex Coordinatore Nazionale VV.FF., gli esperti di comunicazione di emergenza e crisi Letizia di Tommaso del CISOM, Stefano Martello, Sara Mancini e il giornalista aquilano Giustino Parisse.

Già nell’ottobre 2010 con DPCM 11/10/2010 la Presidenza del Consiglio dei Ministri ha conferito alla Protezione Civile A.N.A. l’attestato di pubblica benemerenza di prima classe del Dipartimento di Protezione Civile e in particolare nel 2018 il Ministero della Difesa ha conferito in occasione del 3° Raduno al 9° Reggimento Alpini la Croce di Merito per il servizio reso in occasione delle calamità naturali del 2016 in Centro Italia e in Abruzzo. Con queste premesse e nello spirito di gratitudine a quanti hanno prestato la loro opera di volontari e intendendo rafforzare il legame di comunità con i cittadini aquilani e del territorio, il Comitato Organizzatore ha ritenuto di attivare tutta la rete locale, regionale e nazionale dell’Associazione Nazionale Alpini al fine di individuare personalmente coloro che negli anni sono stati operativi o quand’anche vicini alle popolazioni colpite. Il dovere della riconoscenza e l’obiettivo della rafforzamento della coesione sociale cui gli Alpini hanno dato concreto e fattivo contributo negli anni meritano l’abbraccio e la pubblica manifestazione di attestazione di merito con una solenne cerimonia che si è tenuta il 14 settembre nell’Emiciclo del Consiglio Regionale dell’Abruzzo presieduta dal Presidente Nazionale dell’ANA Sebastiano Favero, dal Vice Presidente del Consiglio Regionale dell’Abruzzo Roberto Santangelo, dal Presidente dell’ANA Sezione Abruzzi Pietro D’Alfonso, dall’Assessore del Comune dell’Aquila Fabrizia Aquilio, coordinata dal Presidente del Comitato Organizzatore Gian Paolo De Rubeis e condotta dal giornalista Massimo Alesii.

Quest’anno il Raduno ha visto in particolare la nutrita partecipazione degli Alpini volontari della Protezione Civile dell’ANA provenienti da tutte le Sezioni ANA d’Italia.

Erano accorsi 10° anni fa fin dalle prime ore del terremoto per occuparsi delle popolazioni colpite ed hanno perseguito l’obiettivo di riportare le comunità toccate dalle calamità naturali ad una situazione di normalizzazione. Una presenza costante, prolungata, tale da guadagnarsi la considerazione e l’affetto delle popolazioni dell’Aquila e delle Comunità del cratere soprattutto, “ per lo spirito alpino” di servizio. “Dal 6 Aprile al dicembre 2009 i volontari alpini  raggiunsero il numero di 8.500 circa.

Ad essi in particolare è stato dedicato questo evento come momento di ringraziamento delle Comunità aquilane” ha ribadito il Presidente del Comitato De Rubeis e l’intero  programma del 4° Raduno ha ruotato intorno ad alcuni momenti rievocativi a L’Aquila e nel territorio, in particolare a Fossa e Paganica oltre alla solenne cerimonia pubblica presso la sede del Consiglio Regionale dell’Abruzzo all’Aquila nel pomeriggio del 14 settembre e alla sfilata del 15 con oltre 7.000 partecipanti che si è conclusa con la Santa Messa nella Basilica di Santa Maria di Collemaggio officiata da S.E. l’Arcivescovo Emerito Giuseppe Molinari.

Nel territorio le Comunità che hanno visto la presenza della Protezione Civile dell’ANA o di gruppi alpini associati a Dipartimenti della Protezione Civile regionali, hanno tenuto iniziative locali animate dai Gruppi Alpini di riferimento e dalle Amministrazioni stesse.