Articolo Alpino

Manteniamo la memoria


  Argomento: Ana

Articolo di tipo Lettere al Direttore   pubblicato nel numero di Febbraio 2017 dell'Alpino


Sono un alpino congedatosi nel 1969 e da allora mantengo l’orgoglio di appartenenza. Tale orgoglio, in questi giorni ha avuto un sussulto, leggendo sui quotidiani nazionali, La Stampa e Il Secolo XIX, che l’organismo dell’Esercito, Onorcaduti, sta abbandonando le ricerche su una vasta area dove è stata trovata una enorme fossa comune contenente i resti di tanti soldati caduti dopo innumerevoli sofferenze. 

Secondo me ciò non fa bene alla memoria, la quale dovrebbe essere mantenuta con ogni sforzo possibile, specie da chi è preposto a tale servizio. La memoria: oggi non sono molti i genitori dei Caduti dell’Armir; però sono ancora in vita i figli e i nipoti dei nostri dispersi. A tal punto avrei il desiderio che la nostra amata Associazione si facesse carico presso l’Esercito di chiedere più informazioni possibili su tale fatto e che venissero pubblicate sulla nostra rivista, se non altro per capire.

Gianluigi Alberto Amici, Sanremo

Non mi risulta che le cose stiano esattamente così. So che c’è stato un sopraluogo da parte di un autorevole inviato di Onorcaduti e che si è arrivati alla decisione che si dovrà intervenire in primavera quando le condizioni del terreno saranno migliori. Credo però che il problema sia un altro, con risvolti politici. Chi dovrà eseguire gli scavi di ricognizione? La Russia dice che spetta loro, l’Italia vorrebbe fare altrettanto. Staremo a vedere che piega prendono gli avvenimenti.

  08/02/2017

Commenti 0

 

2002/2017 © Ana.it. Tutti i diritti riservati. Questo sito è di proprietà della Associazione Nazionale Alpini
P.IVA/C.F. 02193630155
L'uso degli indirizzi mail riportati su questo sito è esclusivamente finalizzato ad usi associativi. E' vietata la riproduzione anche parziale - Marchio registrato
FAQ - Privacy - Credits