Pellegrinaggio a Passo Fittanze

0
113

È la terza settimana di fila che gli alpini veronesi sono impegnati a macinare chilometri, con i 200 gagliardetti in rappresentanza di tutti i gruppi della sezione Ana Verona, e a “far memoria”. La prima domenica di luglio si sono arrampicati sul Baldo per circa due ore – partendo da San Zeno di Montagna e dintorni – e hanno raggiunto la chiesetta di Costabella, sull’omonimo crinale. Chiesetta distrutta dalla tempesta dello scorso novembre che ora rinascerà proprio grazie agli alpini. La scorsa settimana erano a centinaia sull’Ortigara per rendere omaggio alle tante Penne Nere che hanno perso la vita nella tragica battaglia di oltre cento anni fa. E a distanza esatta di una settimana, gli alpini veronesi sono pronti di nuovo a salire in vetta. L’occasione è quella del tradizionale pellegrinaggio a Passo Fittanze, in Lessinia. E non sarà l’ultimo: il tour de force della memoria prosegue la prossima settimana, a Conca dei Parpari, per la 36° Festa del Tricolore.

“Nonostante i 100 anni, le nostre facce sono sempre quelle. Guardando gli alpini dell’Ortigara e i nostri alpini oggi, non temiamo il tempo e l’invecchiamento, che virtualmente sta andando così di moda in questi giorni. Con il suo cappello con la penna nera, l’alpino è sempre quello, orgoglioso di esserlo e pronto a schierarsi a difesa del prossimo, allora come oggi”, commenta Luciano Bertagnoli, presidente dell’ANA Verona. E tra la moltitudine di Penne Nere, famiglie, simpatizzanti e amici, che domenica saliranno in Lessinia, ci saranno anche alcuni dei nuclei della Protezione civile dell’ANA Verona, a testimonianza proprio dell’impegno degli alpini nei luoghi in cui c’è necessità d’intervento.

Il pellegrinaggio a Passo Fittanze è organizzato insieme alla sezione trentina dell’Ana. L’appuntamento è per il 27 luglio alle 9.30 con l’alzabandiera e l’ammassamento. Mezz’ora più tardi la sfilata fino al monumento dedicato agli alpini e ai caduti di tutte le guerre, accompagnati dalla banda cittadina di Sommacampagna, la Fanfara Alpina di Ala (della sezione di Trento) e il coro ANA “Amici della Baita” di Lugagnano. Saluti delle autorità ei, alle 11, il vescovo di Trento monsignor Lauro Tisi e il cappellano sezionale don Rino Massella, celebreranno la Messa. È prevista la diretta televisiva di Telepace.

Si segnala, infine, che dalle 10 alle 12 il Passo potrebbe essere chiuso al traffico per garantire il corretto svolgimento della celebrazione.