Opinioni diverse

    0
    17

    Caro direttore e amici associati, ho l’impressione che da un po’ di tempo a questa parte, il nostro splendido mensile si stia trasformando in una specie di arena. Sono d’accordo circa la libertà di pensiero, e ci mancherebbe altro, però io credo che non si possa continuamente “palleggiare” tra l’opportunità di suonare “Bella ciao” sì o no a seconda del monumento, le Foibe o i partigiani, la brigata Garibaldi piuttosto che la divisione Monterosa, meglio il dittatore delle bonifiche che i lungimiranti statisti della Repubblica; si rischia di avere 380mila opinioni diverse per non arrivare mai da nessuna parte e la nostra “alpinità” rischia di scomparire dietro un’ideologia politica. Basta! “Sfruttiamo” di più L’Alpino per scambiarci idee, iniziative, incontri, proposte, emozioni, sentimenti, umanità, ecc… Tutto ciò non può che farci del bene, arricchirci e stimolarci, far crescere l’Ana magari anche di associati. Ritroviamoci di più fisicamente, guardiamoci negli occhi e meno sui social, beviamo meno ma beviamo meglio, seduti ad un tavolo di qualche festa meno video e qualche canto in più! Parto io, lancio un’idea! Adunata 2021 a Roma degna conclusione del centenario Grande Guerra con il ricordo a 100 anni (1921) del milite ignoto (magari era un alpino?). Manteniamo accesi i riflettori sui nostri padri, sui nostri Caduti di ogni paese d’Italia. Così per non dimenticare! L’amor di patria non è estremismo nazionalistico.

    Massimo Berra, Sezione Valdobbiadene

    Grazie caro Massimo per queste righe piene di saggezza. Il nostro tempo è tempo di contrapposizioni ideologiche, che mutua da certi programmi mediatici lo spirito della polemica e dell’alzare la voce. Certamente è legittimo che anche noi alpini esprimiamo il nostro sentire, ma sempre con l’avvertenza di fermarci prima che il nostro confronto si trasformi in scontro. Questo mi porta a qualche censura verso qualche lettera, ma dovrebbe lasciare in ogni alpino la coscienza che il confronto vero è sempre pacato e rispettoso.