Le barbarie delle foibe

    0
    6

    Ci risiamo: chi è fuori dal coro viene cestinato, ma io, da buon conducente, sono testardo come un mulo e insisto! Volevo commentare la cerimonia in ricordo della barbarie delle Foibe (L’Alpino di marzo): nell’articolo si accusa giustamente Tito (grande statista) ma anche Lenin, Mao e perfino Maduro che non c’entrano proprio un fico secco! Comunque anche la tragedia delle Foibe ha una spiegazione. Primo: è stata la vendetta delle popolazioni slave per le atrocità degli italiani fascisti in Istria e in Dalmazia. Secondo: l’Italia celebra Nikolajewka e/o El Alamein come fossero vittorie ma l’Italia fascista la guerra l’ha persa! Ditelo anche a quelle teste vuote rasate che a Basovizza, in camicia nera, erano mescolate ai gloriosi cappelli grigioverdi. L’Italia ha perso e chi perde paga; purtroppo ci vanno di mezzo anche gli innocenti, è sempre stato così e sempre sarà finché ci saranno guerre. Dunque viva gli alpini e viva la pace, quella vera e universale!

    Giuseppe Bertoldi, Gallarate

    Caro Giuseppe, non mi è del tutto chiara la logica dei tuoi esempi. Volevi dire che alcune cose è giusto che siano accadute perché qualcuno ha sbagliato? Le atrocità, e nel caso delle Foibe parliamo di crimini di guerra, non possono avere alcuna giustificazione, tanto più che dentro vi sono finiti non solo fascisti, ma tante persone innocenti, che col fascismo non avevano nulla in comune.