L'Alpino in sala di attesa

    0
    46

    Sono stato artigliere al 5º da montagna nel 1955 ’56. Vorrei dire la mia: quando ho finito di leggere L’Alpino e Lo scarpone orobico , mi porto dietro le riviste e le lascio nelle sala di attesa degli studi medici o altro, così tutti li possono leggere. Vorrei che tutti gli alpini facessero così.

    Piero Ravasio Villa d’Adda (BG)

    Ecco una buona idea che segnalo a quanti la volessero realizzare. Magari il sogno di Ravasio, di vedere tutti i frequentatori di sale di attesa leggere le nostre riviste non si realizzerà, ma qualcuno fra i tanti potrà interessarsi alle nostre vicende. Perché, come disse nostro Signore, da pochi chicchi di grano caduti in terreno fertile nascono le messi: allo stesso modo le nostre idee e le nostre aspirazioni.