I droni di Verona per un docufilm su San Zeno

0
176

Dal pronto intervento in situazioni di totale emergenza alla cultura e all’arte. I droni della squadra Volo della Protezione Civile della Sezione di Verona si sono alzati in volo dentro e fuori la Basilica di San Zeno, arruolati dal regista veronese Mauro Vittorio Quattrina che proprio in queste settimane sta girando un nuovo docufilm sul patrono della città.

Il lavoro alterna interviste e contributi degli esperti che si sono occupati dei recenti studi su San Zeno a scene di fiction che ricostruiscono alcuni episodi noti e raccontati, come il miracolo dei pesci.

“Mi sono reso conto che su San Zeno c’è ben poco. Ci sono libri, quasi tutti molto impegnativi e destinati agli studiosi. Così, ho voluto raccontare per immagini e parole la storia di questa figura che tanto conta per la città dal punto di vista umano, oltre che storico. Ecco perché “Il sorriso di San Zeno”, nelle immagini che lo ritraggono ha quell’espressione di chi comprende e sa quindi perdonare la debolezza umana. Nel docufilm, oltre alla ricostruzione storica, racconto l’uomo, ciò che si sa di lui è ricavato in gran parte dai suoi 93 sermoni”, anticipa Quattrina. “Il sorriso di San Zeno”, dovrebbe essere ultimato entro l’estate.

Oggi, in supporto al regista veronese e al suo team tra cui l’attore Diego Carli che veste i panni del santo, c’erano i volontari della Squadra Volo che si sono occupati delle riprese dall’alto e in esterna della Basilica e degli interni, tra le navate, la cripta che custodisce le reliquie del Vescovo Moro e il magnifico trittico del Mantegna. Due le macchine utilizzate per i video: si tratta di due modelli DJI Maverik Pro in dotazione alla squadra dell’ANA, completi di videocamere termiche.

“In passato, avevamo già collaborato con il registra Quattrina, con gli aeroplani per alcune riprese sui monti Lessini: siamo autorizzati al sorvolo sul Parco regionale. Oggi è toccato ai droni e siamo molto contenti di poter mettere la nostra professionalità a servizio di questo progetto”, ha spiegato Aurelio La Monica, vicecapo Squadra Volo. “Sia nei momenti di emergenza che in iniziative culturali e di certo interesse per la città, i nostri volontari e i nostri alpini sono sempre a disposizione della collettività”, è il plauso del presidente dell’ANA Verona Luciano Bertagnoli.