La custodia del cappello alpino

0
2756

Per un alpino il suo cappello è tutto. E’ un vero e proprio simbolo che condensa emozioni, sensazioni, ricordi, di vita vissuta durante la naja e, una volta smessa la divisa, di quella da congedato.

Come molti alpini anche Oscar Zanchi lo ha compreso non appena lo ha indossato al 18° Rar Edolo, nella caserma Francesco Rossi di Merano, dove nel 1998, dopo la laurea in ingegneria, ha prestato servizio. Proprio durante il periodo in grigioverde ha l’idea di creare una custodia per proteggere e trasportare comodamente il cappello alpino, senza doverlo piegare o rischiare di spezzare l’elemento più fragile, la penna. Ma dall’intuizione ai fatti il passo non è breve.

Nel 2016 sviluppa compiutamente il progetto e deposita la richiesta di brevetto che viene approvata due anni dopo. «Sono riuscito a trovare un progettista – racconta Oscar – per realizzare un primo prototipo con una stampante 3D, ma il risultato mi ha soddisfatto solo in parte perché volevo che la custodia si adattasse a contenere comodamente anche la penna alpina».

Una volta affinato il progetto, il risultato finale è veramente incredibile: la custodia in polietilene trasparente è costituita da due involucri che si chiudono ad incastro proteggendo il cappello, mentre l’astuccio che avvolge la penna può ruotare, per adattarsi alla sua inclinazione ed estendersi in funzione della sua lunghezza. Oscar tiene a precisare che «la custodia ha una grandezza che permette di contenere la quasi totalità dei cappelli, mentre il fodero della penna può contenerne una larga al massimo 6 cm e lunga 30». Una bella penna quindi… e c’è da dire che oltre questa lunghezza è veramente da considerarsi “fuori ordinanza”!

Oltre a preservare e, grazie ad una maniglia ergonomica, trasportare comodamente il cappello degli alpini in congedo e di quelli in armi, la custodia trasparente, può essere utilizzata anche nei musei, dove molti cappelli storici sono esposti senza alcuna protezione. Ed è soprattutto un bellissimo e utile regalo da fare ad un alpino per proteggere il suo amato cappello.

La custodia è in prevendita ad un ottimo prezzo di lancio che permetterà ad Oscar di iniziare la produzione in serie, cercando di contenere il più possibile i costi di fabbricazione.

Per informazioni www.custodiacappelloalpino.it oppure contattare direttamente Oscar Zanchi: cell. 3358755945, info@custodiacappelloalpino.it

“UN’IDEA DELL’ALPINO OSCAR ZANCHI
PER PROTEGGERE E TRASPORTARE COMODAMENTE
IL CAPPELLO CON LA PENNA”

Sul tavolo di Oscar Zanchi i disegni preparatori e la custodia.

PROTETTIVO

PERSONALIZZABILE

Trasportabile