In 35mila a Gorizia per il raduno Triveneto

0
9

Ben oltre 35mila presenze complessive, e più di 20mila penne nere a sfilare nel cuore della città. E’ stata una grande festa di pubblico, di colore, di suggestioni e di alpinità, a Gorizia, la domenica della grande sfilata conclusiva del Raduno Alpini Triveneto del 2016, e dell’Adunata nazionale della Brigata Alpina “Julia”. 

Anche grazie ad una giornata di sole e di caldo, il capoluogo isontino è stato pacificamente invaso da tantissime persone, anche al di là di quelle che potevano essere le più rosee aspettative del Comitato organizzatore alla vigilia.

A sfilare, in rappresentanza delle 29 Sezioni del 3° Raggruppamento (le 25 del Triveneto e le 4 estere, Nordica, Germania, Belgio e Lussemburgo), circa 20mila Alpini, compresi quelli delle Sezioni “ospiti”, e quelli arrivati in città per l’Adunata della “Julia”. Tutt’attorno una colorata marea di persone, goriziani ma non solo, ha fatto da cornice allo sfilamento, che si è chiuso come da programma con il canonico “Passaggio della Stecca” con la Sezione Ana di Vicenza, che nel 2017 organizzerà il prossimo Raduno Triveneto degli Alpini a Val di Chiampo.

Il presidente dell’Ana di Gorizia Paolo Verdoliva ha consegnato la “Stecca” al suo omologo di Vicenza Luciano Cherobin (nella foto in basso), prima che, nel pomeriggio, l’Ammainabandiera al Parco della Rimembranza mandasse in archivio tre giorni di grandi emozioni e di autentico spirito alpino nel capoluogo isontino.

“Siamo andati oltre le più rosee aspettative, con più di 35mila presenze complessive e 20mila Alpini in sfilata – commenta soddisfatto il presidente dell’Ana di Gorizia Paolo Verdoliva -. Dobbiamo dire un grazie sincero alla città e ai goriziani, che hanno accolto gli Alpini con calore, e partecipato davvero numerosi alla sfilata e più in generale a tutte le manifestazioni organizzate in occasione di questo memorabile Raduno Triveneto 2016. In questi casi ci sono sempre delle difficoltà, piccole o grandi, da affrontare, ma il Comitato ha saputo risolverle nel modo migliore e con successo. Tutto è andato per il meglio, ed abbiamo registrato anche una partecipazione convinta al Villaggio dei partner”.

Ma se la sfilata di domenica 19 giugno è stata il momento culminante del Raduno Alpini Triveneto e dell’Adunata nazionale della “Julia”, non si possono dimenticare i tanti momenti e le cerimonie organizzate dal 17 al 19 giugno dall’Ana di Gorizia, e anche nelle settimane precedenti. Come le mostre – la più significativa l’esposizione “Julia… Nomine tanto firmissima – Alpini a Gorizia”, curata assieme all’Associazione Isonzo e alla Brigata Alpina Julia, che resterà visitabile fino al 25 settembre al Museo di Santa Chiara di Gorizia -, o l’intitolazione di uno dei controviali dei Giardini Pubblici di corso Verdi al Maggiore Gennaro Sallustio, con una cerimonia davvero emozionante.

E ancora, non per ultimi, gli omaggi ai Caduti che, assieme alla Fiaccola del Centenario, hanno toccato tutti i principali cimiteri ed i Sacrari militari dell’Isontino e del fronte dell’Isonzo.