I caschi blu si addestrano per le emergenze mediche

0
5

I caschi blu italiani del Settore Ovest di UNIFIL hanno preso parte all’esercitazione di evacuazione medica d’urgenza “Angel Rescue 2016”, operando in perfetta sincronia con i contingenti finlandese e irlandese operanti nel medesimo settore.

L’esercitazione è proposta ciclicamente al fine di mantenere alto il livello di preparazione dei singoli contingenti in caso di reale evacuazione di caschi blu e il personale civile di UNIFIL. L’ipotesi da cui si è sviluppata l’azione è stata quella dell’esplosione di un ordigno improvvisato, cui è seguita tutta la catena di allarme, intervento, messa in sicurezza dell’area, evacuazione del personale colpito.

I caschi blu italiani hanno preso parte all’esercitazione con assetti dell’unità in Riserva di Settore su base del Nizza Cavalleria, con un team per la ricerca ed individuazione degli esplosivi supportato da unità cinofile specializzate inserite nel Combat Support Battalion su base Reparto Comando e Supporti Tattici Taurinense.

L’esercitazione si è conclusa con l’atterraggio dell’elicottero italiano AB-212 della Task Force Italair presso la base di Naqoura, dove il ferito più grave è stato immediatamente trasportato dopo il suo recupero presso l’aerea di atterraggio del contingente coreano, la più prossima alla zona dell’esplosione.