Materiali sanitari per le cliniche libanesi

0
6

ITALBATT, l’unità di manovra del contingente italiano di UNIFIL, formato dal 1° Reggimento “Nizza Cavalleria” di Bellinzago Novarese, ha finalizzato la donazione di materiali ospedalieri e sanitari alla fondazione Imam Sadr che saranno distribuiti alle cliniche situate nel sud del Paese, unici presidi sanitari dell’area.

Il materiale comprende due apparati per dialisi, 10 letti da degenza completi di materassi e cuscini ignifughi, 1 montascale per disabili, 4 carrozzelle e 2 montacarichi, permetteranno l’allestimento di due nuove cliniche per le cure delle insufficienze renali nei villaggi del sud, tra i più distanti dalle strutture ospedaliere di Tiro.

La donazione è stata possibile grazie alla solidarietà e la collaborazione mostrata dall’Azienda Ospedaliera “Maggiore della Carità”, dal Sacro Militare Ordine Costantiniano di San Giorgio (delegazione Campania-Napoli) e dalla onlus Rock No War, organizzazioni che hanno voluto sostenere in maniera attiva le iniziative promosse per il Libano dal Nizza cavalleria, come ha ricordato il colonnello Massimiliano Quarto, comandante di Italbatt.

Il supporto alla popolazione locale è uno dei tre pilastri portanti della Risoluzione 1701 delle Nazioni Unite oltre alle attività di controllo della cessazione delle ostilità nell’area del sud e la cooperazione con le Forze Armate Libanesi; compiti fondamentali che il contingente italiano, a guida Brigata alpina Taurinense, svolge con impegno, professionalità e stretta collaborazione con la comunità libanese.