Passaggi spettacolari in parete al Falzarego

0
7

Si è conclusa l’esercitazione di arrampicata e soccorso in montagna “Falzarego 2011” organizzata dal Comando Truppe Alpine di Bolzano, alla presenza del Capo di Stato Maggiore dell’Esercito Gen. C.A. Giuseppe Valotto, del comandante delle Forze Operative Terrestri Gen. C.A. Francesco Tarricone, il presidente dell’Associazione Nazionale Alpini Corrado Perona e delle più alte autorità civili, nazionali e locali.

 

Il tradizionale appuntamento, ha coinvolto, tutte le unità alpine dal Piemonte al Friuli, dalla Valle d’Aosta all’Abruzzo, impegnando anche le unità di supporto dell’Alto Comando di Bolzano, come il 2° reggimento Trasmissioni alpino per i collegamenti e la produzione video e web, il 24° rgt. logistico di manovra “Dolomiti” e il 4° rgt. Aves “Altair”, che ha gestito anche tutti gli aeromobili ricevuti in concorso dal Comando Aviazione dell’Esercito.

Novità dell’esercitazione 2011 è stata la dimostrazione dell’impiego tattico in terreno sconnesso del mortaio da 120 mm del 3° reggimento d’artiglieria da montagna, che è stato posizionato con l’utilizzo di corde da roccia come veniva fatto dagli alpini duranti i combattimenti sostenuti in questi stessi luoghi durante la Grande Guerra e come l’obice da 75/13, portato in quota dal gruppo di rievocatori storici delle sezioni ANA di Udine, Cividale e Pordenone.

Il Capo di SME nel rivolgere il suo “plauso alle Truppe alpine e al loro comandante gen. Primicerj per l’organizzazione e la piena riuscita di questa attività”, ha ricordato che “le difficoltà di movimento, la mutevolezza del tempo, la rigidità del clima sono solo alcuni degli aspetti peculiari dell’ambiente alpino e rappresentano una concreta e severa palestra di vita che antepone il fattore umano a qualsiasi altro elemento organizzativo o tecnologico ed esalta le più nobili virtù militari quali il coraggio, la disciplina e la tenacia”, come recentemente dimostrato dalle brigate Taurinense e Julia rientrate dopo un anno di impiego operativo in Afghanistan.

Guarda le foto »