La conferenza stampa Adunata

0
6

Conferenza stampa a Bergamo, giovedì 29, ad una settimana all’avvio ufficiale dell’Adunata in una città già imbandierata nella quale si respira aria di grande attesa e di festa. Il presidente nazionale Corrado Perona ha ricordato gli insegnamenti dei suoi istruttori bergamaschi alla Scuola di Aosta, gli esempi di solidarietà e di fedeltà ai valori fondamentali trasmessi dai Padri fondatori offerti nel corso del tempo dagli alpini bergamaschi. Nei paesi della Bergamasca, dove gli alpini sono un tutt’uno con la gente, perché i valori alpini sono parte del patrimonio comune, con i capigruppo, gli alpini fanno parte della vita sociale. L’Adunata ha concluso Perona dimostrerà che gli alpini sono sempre gli stessi .

E ha avuto parole di riconoscenza per tutti coloro, amministratori, forze dell’ordine, il Comitato Adunata e tutti gli alpini che si sono prodigati per consentire la perfetta riuscita di un’adunata che lascerà un gran bel ricordo. In precedenza aveva preso la parola il sindaco Franco Tentorio: Gli alpini sappiano che troveranno una città di amici con i loro stessi valori . Gli alpini della sezione di Bergamo se la meritano l’Adunata ha detto poi il presidente Antonio Sarti per il duro lavoro di due anni di preparazione, per il quotidiano impegno a favore della gente, sempre pronti a dare una mano e per quello che rappresentano nell’Associazione .

Il presidente della Provincia Ettore Pirovano ha annunciato che la sala del Consiglio provinciale sarà dedicata al 5º Alpini, per onorare un reggimento al quale i bergamaschi sono così profondamente legati. Il generale Gianfranco Rossi, vice comandante delle Truppe alpine, ha portato il saluto del gen. Primicerj. Il 5º Alpini sarà presente con la Bandiera di guerra e una compagnia di alpini e alpine che hanno lo stesso spirito degli alpini di sempre. Rossi ha parlato della Cittadella degli Alpini, una iniziativa che riscontra il favore di migliaia di presenze, e il lancio di alpini paracadutisti del 4º Reggimento Rangers sabato mattina allo stadio.

Le foto »