Articolo Alpino

Adunata o sagra campestre?


  Argomento: Adunata

Articolo di tipo Lettere al Direttore   pubblicato nel numero di Luglio 2015 dell'Alpino


Caro direttore, comincio con quella che dovrebbe essere la conclusione della lettera: “Tanto le cose non cambiano mai!”. Anche quest’anno a L’Aquila si sono verificate situazioni e problemi che ormai caratterizzano tutte le nostre adunate da molti anni. 

La mia prima volta è avvenuta nel 1972 a Milano (bellissima e coinvolgente) poi ho partecipato a quasi tutte le altre. In tutti questi anni il successo della manifestazione non è mai mancato; ciò che, a mio parere, è cambiato e in modo negativo fino ai nostri giorni è la peculiarità dell’Adunata.

Dovrebbe essere una celebrazione del nostro Corpo, un ricordo dei nostri Caduti, un incontro tra compagni d’arme e tra veci e bocia... Dovrebbe, invece si sta trasformando sempre più in una festa campestre, una sagra con cori da stadio, grandi bevute, urla, bestemmie e ubriachi. Per non parlare poi del fenomeno dei “trabiccoli” che imperversa ogni anno di più; ce n’erano tanti a L’Aquila e nonostante la presenza della Polizia locale, di quella di Roma capitale, della polizia di Stato, Carabinieri, ecc., non uno di questi “fenomeni da baraccone” è stato fermato!

Caro direttore, se l’Associazione non interverrà con forza e rigore tramite le Sezioni e, soprattutto i Gruppi, temo che saremo destinati in futuro ad essere visti come fenomeni da baraccone e quindi a squalificare la nostra Adunata e l’immagine degli alpini che vi partecipano con passione ed onore.

Romano Rizzato, Arsego (Padova)

Caro Romano, temo che, nella vita, tu sia uno di quelli che tende a vedere il bicchiere mezzo vuoto. È vero che le imperfezioni e anche gli sbagli sono sempre dietro l’angolo, ma come si fa a dare un giudizio così negativo? Solo tu hai visto degrado e non hai respirato il clima di gioia e di festa che c’era intorno. Quanto ai trabiccoli, sai che l’Ana è rigorosissima nel farne divieto. Dopodiché se c’è gente che non capisce, non spetta a noi intervenire. Senza contare che negli incontri preparatori con le forze di polizia locale si danno delle indicazioni molto precise e dure contro questi abusi.

  09/07/2015

Commenti 0

 

2002/2017 © Ana.it. Tutti i diritti riservati. Questo sito è di proprietà della Associazione Nazionale Alpini
P.IVA/C.F. 02193630155
L'uso degli indirizzi mail riportati su questo sito è esclusivamente finalizzato ad usi associativi. E' vietata la riproduzione anche parziale - Marchio registrato
FAQ - Privacy - Credits