Il gen. Figliuolo assume la guida del Comando Operativo di Vertice Interforze

0
4465

Il gen. C.A. Francesco Paolo Figliuolo è il nuovo comandante del Comando Operativo di Vertice Interforze (COVI), organismo che supporta il Capo di Stato Maggiore della Difesa nella funzione di comandante operativo delle Forze Armate. 

La cerimonia di avvicendamento con il generale di Squadra Aerea Silvano Frigerio è avvenuta al Comando Operativo di Vertice Interforze, alla presenza del ministro della Difesa, on. Lorenzo Guerini, accompagnato dal Capo di Stato Maggiore della Difesa, ammiraglio Giuseppe Cavo Dragone che nel suo intervento ha sottolineato il ruolo guida del COVI nella gestione pronta ed efficace del concorso della Difesa nel contrasto all’epidemia Covid-19, per poi affermare che “il COVI sicuramente incarna, nella maniera più completa, lo spirito interforze, con il coinvolgimento totale e convinto di tutte le Forze Armate, ovviamente nella salvaguardia delle prerogative dei capi di Forza Armata, ed è oggi il vero e proprio moltiplicatore delle forze della Difesa, elemento che genera, coordina e gestisce le operazioni in qualunque campo siamo chiamati ad operare”.

Alla cerimonia era presente una delegazione dell’Associazione Nazionale Alpini guidata dal Presidente Sebastiano Favero e dal vice Federico di Marzo.

Il nuovo Comandante del COVI, Generale di Corpo d’Armata Figliuolo, dopo aver ringraziato il ministro della Difesa e il Capo di Stato Maggiore della Difesa per la fiducia accordatagli e salutato i comandanti militari all’estero, 19 dei quali collegati in videoconferenza in rappresentanza dei 32 Teatri Operativi in cui operano le Forze Armate italiane, ha proseguito dicendo “assumo questo incarico con onore, nel segno della tradizione e della continuità di coloro che mi hanno preceduto.

Il generale Figliuolo ha poi sottolineato come “il ruolo di Comandante del COVI si abbinerà a quello dei Commissario straordinario per l’emergenza, generando un valore aggiunto in termini di sintonia istituzionale, di coordinamento e di gioco di squadra, che sono fattori essenziali per il successo di qualsiasi impresa”.