I militari russi all’opera nel Bresciano

0
718

Dopo aver provveduto alla sanificazione di una settantina di Rsa e Rsd in provincia di Bergamo i militari russi si sono spostati nel territorio del Bresciano. Si tratta di tre colonne di personale altamente specializzato in attività in ambito chimico che opereranno con il supporto dei colleghi del 7° Reggimento Nbcr dell’Esercito Italiano e l’appoggio logistico sul territorio degli alpini delle tre Sezioni di Brescia, Salò e Valcamonica. 

I militari inviati da Mosca in Italia per sostenere il nostro Paese alle prese con l’emergenza Coronavirus provvederanno all’attività di disinfezione di 84 case di riposo del territorio che ricade sotto la competenza di Ats Brescia e di 16 dell’area di Ats della Montagna (in Valle Camonica). A queste vanno poi aggiunte 16 Rsd (residenze sanitarie disabili) tra le quali potrebbe esserci anche la Scuola Nikolajewka di Brescia, circostanza che assumerebbe anche un grande valore simbolico.

A far da staffetta al personale russo e ai militari italiani sarà un veicolo dei Carabinieri, mentre l’attività di scout e la logistica saranno appannaggio delle penne nere bresciane.