Gli artiglieri della Julia e il 2° Stormo in addestramento congiunto a Rivolto

0
798

Si è conclusa l’attività addestrativa condotta dai militari della brigata Julia all’interno del sedime aeroportuale di Rivolto, dove è stato allestito un campo base per il loro pernottamento. Gli artiglieri da montagna del 3° reggimento, in particolare, si sono esercitati in attività di Reazione Automatica Immediata con l’impiego di mortai e formazione di autocolonne. 

Contestualmente il personale qualificato Joint Tactical Air Control del 3° reggimento, ha testato le sue capacità con la richiesta di operazioni Close Air Support, avvalendosi dei sorvoli di velivoli AMX del 51° Stormo che hanno condotto esercitazioni simulate di ricognizione e attacco al suolo.

​La sinergia tra il 3° reggimento artiglieria da montagna ed il 2° Stormo di Rivolto, polo missilistico dell’Aeronautica Militare per la difesa nazionale e casa delle Frecce Tricolori, ha permesso di effettuare una tre giorni addestrativa con significativi risvolti formativi per entrambi i reparti. Le sinergie che ne sono derivate sono state successivamente evidenziate dal comandante del 3° reggimento artiglieria terrestre (da montagna), colonnello Romeo Tomassetti, e dal comandante del 2° Stormo, colonnello Andrea Amadori, al comandante della Julia generale Alberto Vezzoli, in visita pochi giorni fa, ai giovani militari impegnati nelle attività. 

Particolare è stato il passaggio in formazione di tre velivoli delle Frecce Tricolori, anch’essi in addestramento per due nuovi innesti nella Pattuglia Acrobatica Nazionale affiancati dal Capoformazione Pony 1.