"Gli alpini ci sono… sempre!", mostra sui soccorsi delle penne nere in Italia e all'estero

0
6

#alpiniadunata2015

Gli aiuti alla popolazione colpita dal sisma del 2009 – ma più in generale tutti gli interventi degli alpini in armi e in congedo per soccorrere e ricostruire – saranno oggetto di una originale mostra fotografica organizzata all’Aquila dall’Associazione Nazionale Alpini in collaborazione con le Truppe Alpine dell’Esercito, in occasione dell’88ma adunata che si terrà nella cittadina abruzzese dal 15 al 17 maggio. 

Intitolata ‘Gli Alpini… ci sono sempre!’, la galleria di immagini di archivio – che sarà inaugurata il prossimo 15 maggio presso il Parco del Castello – testimonierà l’impegno solidale delle penne nere in Italia e all’estero: Vajont, Friuli, Irpinia, Abruzzo, Emilia, Liguria (e non solo) ma anche Afghanistan e Centrafrica, sempre in prima linea dove c’è bisogno, assistendo milioni di persone e realizzando centinaia di progetti con centinaia di migliaia di ore di lavoro.

La ricostruzione è senz’altro uno dei temi principali dell’edizione 2015 dell’Adunata Nazionale degli Alpini che – secondo le previsioni degli organizzatori – porterà circa 300.000 persone all’Aquila. In Abruzzo furono oltre 8.500 i volontari dell’Associazione Nazionale Alpini che, per oltre nove mesi, aiutarono la popolazione a risollevarsi dopo il terremoto, costruendo tra l’altro un villaggio di 33 case e una chiesa a Fossa, inaugurato il 14 novembre 2009, a soli sette mesi di distanza dal sisma.

Importante, per L’Aquila, è stato anche l’impegno degli Alpini in armi, che – insieme ad altri reparti dell’Esercito – hanno partecipato ai primi soccorsi e successivamente hanno sorvegliato la cosiddetta ‘zona rossa’ della città (la più danneggiata), per impedire atti di sciacallaggio: circa 100.000 le persone e i veicoli controllati nei quattro anni di durata dell’operazione ‘Gran Sasso’.

La mostra – composta da decine di foto a colori e in bianco e nero – si apre con una citazione di Don Carlo Gnocchi, reduce di Russia e figura leggendaria tra gli Alpini: “per rifar bella l’Italia, ci vuol il coraggio degli Alpini, l’amore per la terra degli Alpini, la sobrietà degli Alpini, la religiosità degli Alpini…”.