Il saluto del presidente della Repubblica agli alpini

0
3

Dottor Corrado PERONA, Presidente nazionale Associazione Nazionale Alpini

Nella circostanza della 84ª Adunata degli alpini, rivolgo il mio deferente pensiero ai Caduti della specialità ed al glorioso Labaro della Associazione, testimonianza di dedizione al dovere e di amor patrio. Costituito nel lontano 1872, a presidio e difesa dei valichi montani, nel corso dei 139 anni della sua storia, il Corpo ha garantito un contributo straordinario, in guerra e in pace, alla costruzione del nostro Paese, attraverso l’eroica partecipazione alle drammatiche vicende della prima e della seconda guerra mondiale ed i tanti generosissimi interventi in soccorso delle popolazioni civili, in occasione di disastri e calamità naturali. Assurta nel tempo a simbolo dei più alti valori umani e morali della gente di montagna, la Specialità si identifica per i cittadini italiani con l’essenza dell’Unità nazionale.

Con la sua opera, essa ha dimostrato e dimostra concretamente come si possa perseguire, con il coraggio, l’impegno incondizionato ed un generoso spirito altruistico, il bene comune del Paese, al di là e al di sopra di egoismi locali e interessi particolaristici. In questi ultimi decenni, in cui abbiamo finalmente cessato di guardare alle Alpi come baluardo difensivo, se non come elemento di separazione dall’Europa, il Corpo degli alpini ha portato i suoi valori ed il suo impegno oltre la montagna e nel mondo ponendoli con le sue capacità professionali di eccellenza al servizio della comunità internazionale nelle missioni a sostegno della sicurezza e della stabilità in tante aree di crisi.

L’Adunata di quest’anno, in cui celebriamo il 150° anniversario dell’Unità d’Italia, sia per alpini in servizio ed in congedo l’occasione di una approfondita riflessione sul rinnovato ruolo del Corpo per l’affermazione dell’Italia e dei valori di libertà, democrazia e cooperazione tra i popoli di cui essa è da sempre promotrice nel mondo. Con questo auspicio e con l’apprezzamento per la straordinaria opera prestata, giungano a tutti gli alpini il mio caloroso saluto e l’augurio per la piena riuscita della manifestazione.

Giorgio Napolitano

Presidente della Repubblica