L'urna di don Gnocchi in Duomo da giovedì a lunedì

0
7

Don Carlo Gnocchi torna fra i suoi alpini. L’urna con il corpo del Beato sarà traslata nel tardo pomeriggio di giovedì 6 maggio a Bergamo, dal Centro Santa Maria Nascente della Fondazione, per ricevere la devozione dei fedeli nei giorni dell’Adunata nazionale. Sarà esposta nel Duomo, la Cattedrale di Sant’Alessandro a città Alta, con una solenne celebrazione eucaristica.

L’accoglienza avrà un carattere diocesano e cittadino, con il vescovo Beschi, il presidente della Fondazione don Gnocchi mons. Bazzari e le autorità civili e militari. Poi inizierà l’omaggio dei fedeli che accorreranno all’urna del Beato, che sarà vegliata dagli alpini. Il presidente nazionale Corrado Perona e il Consiglio Direttivo Nazionale renderanno l’omaggio al Beato venerdì mattina, alle 11.

Nei giorni dell’Adunata si prevede un grande concorso, non solo di penne nere, ben più massiccio che a Milano in occasione della beatificazione, rapportato ai numeri della grande manifestazione alpina. Anche per questo è stato scelto il Duomo a Città Alta, un luogo abbastanza defilato che oltretutto garantisce anche l’opportuna tranquillità al pellegrinaggio degli alpini. L’urna rimarrà in Duomo fino alla prima mattina di lunedì, per consentire la visita anche a quanti, per svariati motivi, non potranno prendere la via di casa domenica.

La Celebrazione di accoglienza di giovedì 6 maggio prevede il seguente programma:

  • ore 18.30: accoglienza dell’urna in Cattedrale con il saluto di monsignor Francesco Beschi, Vescovo di Bergamo. Seguiranno i saluti delle autorità presenti: il sindaco di Bergamo, Franco Tentorio; il presidente della Provincia di Bergamo, Ettore Pirovano; il prefetto di Bergamo, Camillo Andreana; il direttore generale dell’ASL di Bergamo, Roberto Testa; il rappresentante della presidenza nazionale degli Alpini e il presidente della Fondazione Don Gnocchi, monsignor Angelo Bazzari.
  • ore 18.45: celebrazione per la collocazione dell’urna in Cattedrale; meditazioni e riflessioni sui tratti caratteristici della spiritualità del Beato. La Cattedrale rimarrà aperta per la venerazione dei fedeli fino alle ore 22.
  • ore 20.30: Il sogno sotto la neve , presso il Centro Congressi Giovanni XXIII di Bergamo (viale Papa Giovanni XXIII, 106), incontro di preghiera e riflessione promosso dalla diocesi e dall’Asl di Bergamo e aperto al mondo degli operatori socio sanitari assistenziali e del volontariato. Partecipano, tra gli altri, monsignor Maurizio Gervasoni (moderatore delegato vescovile, diocesi di Bergamo), monsignor Angelo Bazzari (presidente Fondazione Don Gnocchi), Roberto Costantini (vicedirettore generale Fondazione Don Gnocchi), Guya Devalle (responsabile Nucleo Stati Vegetativi Istituto Palazzolo Fondazione Don Gnocchi di Milano), Massimo Giupponi (direttore sociale ASL Bergamo) e Suor Gabriella Lancini (madre vicaria dell’Istituto Beato Palazzolo ).

Venerdì 7 e sabato 8 maggio sarà possibile rendere omaggio alle spoglie del Beato, dalle ore 7.30 alle 23; in entrambi i giorni, è prevista la celebrazione delle Lodi alle ore 8.15 e dei Vespri con la celebrazione eucaristica alle ore 18.