Pasta party anche a Bassano

0
6

Continuando la felice tradizione delle ultime edizioni dell’Adunata nazionale, anche a Bassano sarà allestito il tradizionale Pasta Party , parte del cui ricavato sarà destinato all’operazione Mozambico, il progetto che vede impegnati i volontari dell’ANA nei luoghi in cui, negli anni Novanta, i nostri alpini si sono distinti nell’operazione Albatros .

Quest’anno protagonista dell’iniziativa sarà un’azienda del territorio: Pasta Zara , che ha sede a pochi km. da Bassano, a Riese Pio X. Pasta Zara ha una storia che merita di essere raccontata perché è anche parte della storia italiana. Emanuele Bragagnolo, nel 1898, inaugurò un piccolo laboratorio artigianale di pasta a Villarazzo (Treviso), che poi diventò il Pastificio Elettrico Bragagnolo . Nel 1932 il figlio Umberto aprì un secondo stabilimento a Zara, allora italiana. L’edificio subì danni ingenti sotto i bombardamenti del 1943. Alla fine della Seconda guerra mondiale, il regime di Tito confiscò tutto.

Umberto Bragagnolo fu costretto ad andarsene portandosi dietro una ferita, tanto da decidere di cambiare nome all’azienda: divenne Pasta Zara . Oggi Pasta Zara , gestita dalla quarta generazione della famiglia Bragagnolo, è il primo esportatore italiano di pasta e il secondo produttore.

Il Pasta Party (che da quest’anno prevede il pagamento del piatto di pasta e non più l’offerta libera) sarà attivo nelle giornate di venerdì, sabato e domenica, suddiviso in due postazioni:

  • nell’area dell’ex caserma Cimberle Ferrari, in centro a Bassano e accanto alla sfilata;
  • nell’area di Prato Santa Caterina, accanto alla Cittadella Militare.