VERONA-TRENTO – Insieme sul confine

    0
    123

    Le penne nere sono salite a Passo Fittanze per commemorare e onorare i Caduti di tutte le guerre, all’ombra delle due grandi aquile di pietra che presidiano l’imponente monumento del Passo, terra di confine tra Veneto e Trentino. Centinaia di alpini, volontari e amici si sono stretti attorno ai molti gagliardetti e hanno aderito in massa al tradizionale pellegrinaggio organizzato dalle Sezioni di Verona e di Trento (nella foto).

    La commemorazione in quota è entrata nel vivo con l’ammassamento, una breve sfilata e la cerimonia dell’alzabandiera. Le autorità tra le quali il deputato veronese Diego Zardini e i sindaci di Erbezzo, Lucio Campedelli, e di Ala di Trento, Claudio Soini, hanno salutato la moltitudine di penne nere prima di cedere la parola al Presidente sezionale Luciano Bertagnoli e al vice Presidente vicario della Sezione di Trento Paolo Frizzi che hanno sottolineato come il traguardo dei cent’anni di attività segni un nuovo inizio per i cento a venire.

    Sul Passo, a circa 1.400 metri di altitudine, è poi sceso un silenzio solenne interrotto solo dalle note della fanfara alpina di Ala che ha ritmato la deposizione delle corone in onore ai Caduti. Poi l’arcivescovo di Trento monsignor Lauro Tisi ha celebrato la Messa con il cappellano sezionale don Rino Massella. Le celebrazioni sono state accompagnate oltre che dalla fanfara, dalla banda cittadina di Sommacampagna e dal coro Ana “Amici della Baita” di Lugagnano.