VALTELLINESE – Allo Scerscen

    0
    5

    Dopo la commemorazione del centenario dello scorso anno al “cimiterino”, quest’anno come da tradizione ci siamo ritrovati al monumento degli alpini eretto alla Bocchetta delle Forbici, da dove si staccò la valanga che travolse il drappello degli skiatori. Questo appuntamento è sempre emozionante. È bello vedere che anno dopo anno, grazie alle ricerche storiche che hanno ridato una vita ai ragazzi coinvolti in questa tragica vicenda (24 Caduti dello Scerscen, 1-2 aprile 1917), la partecipazione è sempre maggiore e sempre più sentita. Quest’anno durante la celebrazione al monumento, è stata scoperta una lapide a ricordo del centenario della fine della Grande Guerra predisposta dagli alpini di Lanzada. Oltre a quello della Sezione Valtellinese erano presenti altri sette vessilli sezionali e numerosi gagliardetti. Alla fine della Messa sono stati scanditi i nomi di quei ragazzi accompagnati dal grido “presente”. Alzando gli occhi, fra le nubi, abbiamo visto i loro volti sorridere mentre sulle ali del vento giungeva un grazie. “Grazie per averci ridato la vita con la vostra testimonianza”.

    Mariano Spreafico