VALLECAMONICA – Un grande Vecio

    0
    56

    «Ho novantacinque anni, sono un camuno!» così si presenta il nostro socio Filippo Piccinelli. Ha novantacinque anni, ma solo all’anagrafe. Spirito e mente sono quelli di un giovane montanaro, incline al sorriso e dalla mente fresca. Si dice che l’avanzare dell’età ci renda fragili e che per questo si cerchi conforto. Sarà, sta di fatto che noi questo conforto lo abbiamo ricevuto, ancora una volta dal nostro Filippo. Classe 1919, colonnello degli alpini, consigliere della sezione Vallecamonica dal 1947 al 1980, iscritto al gruppo di Niardo, già preside della scuola tecnica a Breno. La vita di Filippo è una tela intessuta di avvenimenti e persone che hanno segnato un secolo, il Novecento.

     

    Alpino per anni e anni, con cinque Campagne di guerra alle spalle, in terre lontane prima e sui monti della sua Valle poi. In suo onore abbiamo voluto preparare una festa che fosse degna di un pezzo da novanta. L’abbiamo organizzata alla caserma Tonolini al passo del Tonale, vicino alla sua casa di vacanza, perché ci sembrava bello farlo in un edificio che avesse il più possibile… sapore di naja! A questo incontro seguito da cena e torta di compleanno, erano presenti numerosi alpini niardesi, capeggiati dall’inossidabile Pier Antonio Bondioni oltre a una speciale rappresentanza della dirigenza della Sezione: il presidente Giacomo Cappellini, i vice Emanuele Bondioni e Italo Albertoni accanto al vice presidente nazionale Ferruccio Minelli. Una serata splendida di cui ognuno serberà un ricordo intimo.

    Al momento di andare in stampa ci è giunta la notizia della scomparsa di Filippo Piccinelli. Alla famiglia, agli alpini di Niardo e di Vallecamonica va il nostro affettuoso pensiero.