Un'Adunata coraggiosa

    0
    34

    Sono un giovane asiaghese e non sono alpino a causa dell’abolizione della naja, ma sono figlio di alpino.Voglio fare i più sinceri complimenti a chi ha avuto il coraggio di portare l’adunata sull’Altopiano e a tutti quelli che hanno reso possibile la riuscita di un evento che resterà per sempre nella storia di Asiago, della sua gente, di tutti gli alpini d’Italia. Ho letto sul vostro forum diversi interventi di alpini che criticavano la scelta di Asiago. Ognuno è libero di esprimere le proprie considerazioni ma sono convinto che tutti quelli che hanno sfilato davanti al Sacrario abbiano portato a casa qualcosa di grande che gli inevitabili disagi non hanno saputo cancellare.

    Gabriele Rigoni Asiago (VI)

    Già, i disagi. Tutti sapevamo che ce ne sarebbero stati, anche di gravi, ma alcuni partecipanti non li hanno sopportati dimentichi che ci recavamo in zona non per una scampagnata ma per un pellegrinaggio. Chi non ha tenuto presente questa differenza non ha capito nulla dello spirito alpino.