TRIESTE Grande concerto di Natale

    0
    85

    Venerdì 24 novembre la Sezione di Trieste ha rinnovato il successo delle sue iniziative teatrali con il concerto intitolato Aspettando il Natale con gli Alpini al Teatro Politeama Rossetti. Un vero successo: due settimane prima dello spettacolo erano già stati esauriti tutti i 1.500 biglietti. Era presente al concerto il sindaco Roberto Di Piazza, che, dopo il benvenuto dato dal nostro presidente Gianpiero Chiapolino, ha espresso il suo apprezzamento per l’opera degli alpini, la condivisione dei loro principi ed ideali, ed ha annunciato che il Comune di Trieste ha deciso di concedere la cittadinanza onoraria all’A.N.A..

    Il concerto del 24 novembre era articolato in tre parti. Ha aperto la serata l’Inno a San Giusto eseguito dalla Civica Orchestra di Fiati Giuseppe Verdi Città di Trieste, seguito dal Nabucco di Verdi. Poi l’orchestra ha suonato alcune melodie di Malcolm Arnold, Don Ellis e Louis Prima, per finire con una entusiasmante fantasia di canzoni triestine. Nella seconda parte si è esibito il nostro Coro A.N.A. Trieste, costituito dalla Sezione nella primavera del 2000, sotto la direzione del maestro Paolo Rossi. Il suo repertorio, oltre alle canzoni di guerra e di montagna tipiche degli alpini, comprende pezzi di musica liturgica e del folclore triestino.

    Per ultimi sono saliti sul palcoscenico i giovani cantori bassanesi del coro Edelweiss A.N.A. Montegrappa, diretto dal maestro Massimo Squizzato. Splendida ed applauditissima la loro esibizione grazie, oltre che alla loro bravura, al timbro limpido delle giovani voci. Per finire, il pubblico si è alzato in piedi per ascoltare il trentatrè e l’Inno nazionale, eseguiti dai due cori riuniti. L’ingresso al teatro era gratuito; ma la sezione femminile di Trieste della Croce Rossa Italiana aveva approntato un banchetto per la raccolta di fondi da devolvere alle cure degli anziani indigenti della città. Il sorprendente incasso di 3.350 euro ha dimostrato una volta di più la generosità dei nostri concittadini.