TORINO – Prevenzione è vita

    0
    96

    Alpini e mammografie, di primo acchito sfugge la possibile analogia tra due elementi così distanti, ma se parliamo invece di volontariato, di impegno rivolto al sociale, di amore ed attenzione dei gruppi alpini verso il proprio territorio allora tutto si spiega, ed ecco che mondi apparentemente distanti trovano modo di coesistere. Del resto, l’argomento è particolarmente serio: il tumore al seno. La diagnosi precoce resta tutt’ora la forma di prevenzione più efficace: la probabilità di guarire, infatti, è direttamente correlata alla precocità della diagnosi.

    Gli alpini di Rivarolo Canavese sono stati sollecitati dal sottoscritto a partecipare ad una giornata di prevenzione del tumore al seno realizzata tramite l’ausilio di una clinica mobile, a fine dicembre, nella città di Rivarolo Canavese (nella foto). E gli alpini hanno contribuito non solo finanziariamente alla realizzazione del progetto ma hanno allestito un gazebo riscaldato, distribuendo per tutta la giornata tè caldo e vin brulé alle donne (circa 60) che si sono prenotate per la visita senologica; naturalmente con serietà ed efficienza tipiche di noi alpini ma anche con umanità ed allegria che le signore hanno apprezzato.

    Il Capogruppo Roberto Gallo e il delegato di zona Giuseppe Bollero sono poi stati ricevuti dal sindaco di Rivarolo in sala consigliare per le premiazioni di rito insieme ad altre aziende del territorio che hanno contribuito alla riuscita dell’iniziativa. Va detto che tale giornata è stata realizzata dalla società benefit “Welfarecare” in collaborazione con “Prevenzione è vita” di Castelfranco Veneto. L’obiettivo di tali società è quello di diffondere più possibile il concetto di prevenzione con una serie di attività, tra le quali l’attuazione di giornate di screening gratuito come quella rivarolese.

    In circa nove ore di visite sono state effettuate 35 mammografie e 45 ecografie con strumentazioni all’avanguardia posizionate all’interno della clinica mobile, in maniera assolutamente gratuita per le signore, tra 35 e 49 anni. Non è la prima volta che in Piemonte gli alpini partecipano a tale iniziativa, era già successo a settembre 2021 a Rivoli Torinese, dove i generosissimi alpini del Gruppo hanno aderito e presenziato alla giornata dedicata alle signore della città.

    Bruno Ubertalli