Sulle montagne biellesi

    0
    24

    L’imponente cornice delle Prealpi biellesi, con la stupenda e suggestiva conca di Oropa, ha ospitato il 42º campionato Ana di sci alpinismo. Il santuario Mariano di Oropa, dove da sempre si venera la miracolosa Madonna Nera, è stata la sede organizzativa e logistica, dove atleti ed accompagnatori hanno trovato una calda accoglienza. La commissione sportiva della Sezione di Biella non poteva fare scelta migliore: oltre all’aspetto sportivo e paesaggistico ha organizzato e voluto, alla luce della lunga esperienza, un campionato che non prevedesse nessuno spostamento, assicurando a tutti il massimo comfort. La Sezione, come suo costume, ha messo in atto le migliori risorse umane ed organizzative, affinché questo alto momento di sport potesse svolgersi nel migliore dei modi. Il suggestivo ed impegnativo tracciato del campionato ha ripercorso la grande tradizione biellese nella specialità dello sci alpinismo. Per la commissione sportiva e la Sezione di Biella è stato un onore ospitare atleti e accompagnatori del 42º campionato nella Valle Oropa. La cerimonia di apertura, il sabato pomeriggio, con l’accompagnamento della fanfara alpina di Pralungo, ha portato il corteo a raggiungere il cippo “Alpini d’Italia” per l’alzabandiera, la deposizione della corona d’alloro ai Caduti, l’accensione del tripode da parte di Nicole Orlando, atleta paralimpica biellese, e la lettura della formula di apertura del campionato pronunciata dal Responsabile dello Sport nazionale Renato Romano. Accanto al Presidente nazionale Sebastiano Favero, il Presidente sezionale Marco Fulcheri e il Responsabile della commissione sportiva nazionale Renato Romano, 24 vessilli e 57 gagliardetti. Erano presenti anche il presidente della Regione Piemonte, l’artigliere da montagna Sergio Chiamparino, il presidente della Provincia Gianluca Foglia Barbisin e il sindaco di Biella Marco Cavicchioli. Dopo la cerimonia il corteo ha raggiunto la basilica antica del santuario dove don Remo Baudrocco, cappellano sezionale ha officiato la Messa. La gara della domenica, a cui hanno preso parte 86 pattuglie, si è disputata su un unico tracciato, a causa dello scarso innevamento, egregiamente preparato da Corrado Vigitello, Alberto Guelpa, Giuseppe Pivano e dal loro staff. A segnare il miglior tempo la coppia valtellinese Walter Trentin – Matteo Pedergnana con 58 minuti e 39 secondi. A ruota i bresciani Giordano Rovetta – Luca Milini e i valsusini Emanuele Foglia – Andrea Roche. Nella categoria soci aggregati prime due posizioni in mano ai valdostani Henri Aymonod – Mathias Trento e Andrè Aymonod – Andrea Dellavalle, mentre al terzo posto si è piazzato il duo biellese Filippo Pelacchi – Davide Chiocchetti. Nel primo pomeriggio si è svolta la premiazione e la consegna dei vari riconoscimenti. Nella classifica “Trofeo Consiglio Direttivo Nazionale Ana” prima la Sezione Valtellinese, seconda Vallecamonica, terza Bergamo e Biella al quarto posto. Classifica aggregati “Conte Caleppio” prima Aosta, seconda la Sezione di Biella e terza Verona.

    Giancarlo Guerra