Ritorno dei veterani della 40 alla Monginevro di Bousson

    0
    675

     

    L’idea nasce nel 2003, quasi come rinnovato atto di fedeltà alla 40ª batteria, tra un piccolo gruppo di artiglieri ‘Veterani della 40ª’. Così con genuino entusiasmo prende corpo l’iniziativa che si allarga a macchia d’olio coinvolgendo i commilitoni di un tempo, progettando un proprio sito web (www.40Bty.it), raccogliendo documenti filmati e fotografici delle esercitazioni con la NATO, prendendo contatti con le Associazioni combattentistiche e d’arma, l’ANA in primis, e con i militari in servizio tra i quali diversi ufficiali con glorioso passato in ‘Quarantesima’, organizzando i raduni annuali sempre molto apprezzati.

    Per il 1º raduno, del 23 settembre 2003, fu scelta la località di Bousson, frazione di Cesana Torinese in Alta Valle Susa, presso la caserma Monginevro, dove i veterani si sono dati appuntamento anche quest’anno per la settima volta sabato 12 e domenica 13 settembre. Un fuori programma è stato il pernottamento in caserma (un ritorno ai vecchi tempi!) dopo una serata allietata dal coro alpino Alpi Cozie di Susa. Domenica presenze delle grandi occasioni, con gli onori di casa fatti dal gen. Claudio Berto, comandante della Taurinense, dal gen. D. Giorgio Battisti capo di Stato Maggiore del Comfoter, dal gen. Claudio Rondano comandante del Centro Addestramento Alpino, dal presidente della sezione ANA Valsusa Giancarlo Sosello, dai sindaci di Claviere, Sestriere, Sauze e Cesana (che ha rivolto il saluto della comunità alle centinaia di convenuti) e dai vecchi comandanti della 40ª.

    Domenica alzabandiera e deposizione d’una corona al monumento ai Caduti di Cesana, quindi la sfilata fino al cimitero militare, la deposizione di una seconda corona, una preghiera per i defunti dell’Arma dell’Artiglieria e benedizione da parte di don Andrea, parroco di Cesana. Il ritrovo è stato poi alla caserma Monginevro di Bousson, dove il gen. Berto aveva predisposto una mostra di mezzi in dotazione alla brigata, compreso il mortaio Thomson che ha sostituito il 105/14. Infine nel prato della caserma, con la cornice della pineta e le cime sullo sfondo, allegria, ricordi, aneddoti. Poi l’arrivederci, con un groppo in gola.

    Gianni Ardizzone

    Pubblicato sul numero di dicembre 2009 de L’Alpino.