Quei manifestanti anti G8

    0
    59

     

    In merito alla lettera ‘Quei manifestanti anti G8’ (novembre 2001) alcune precisazioni: i 150.000 non erano tutti giovani, ma vi erano numerose persone adulte, di mezza et e anche di et avanzata. Tra essi moltissimi impegnati in volontariato e utili attivit sociali. Le varie associazioni caritative ricevono la maggior parte dei loro fondi da quelle persone sensibili concretamente impegnate nel sociale. Occorre per sensibilizzare anche l’opinione pubblica per concreti aiuti governativi; al dr. Agnoletto andrebbe fatto tanto di cappello e non andrebbe definito ‘mestatore nel torbido’. Un consiglio: un’altra volta cercate di
    approfondire di pi.

     

    Giovanni Maglioni Pino Torinese

     

    Considerazione e rispetto per i 150.000 e pi che hanno manifestato in modo
    pacifico a Genova: il termine ‘giovani’ stato da me scelto per indicare tutti
    quelli che hanno partecipato civilmente alla manifestazione perch il futuro
    dei giovani, non certo di noi attempati cittadini.
    Il dr. Agnoletto sar un benefattore, non lo nego, ma il suo comportamento
    non stato limpido: per esempio, egli non si dissociato dalla dichiarazione di
    guerra allo Stato lanciata da Casarini n, in altra occasione, si astenuto dall’invitare alla diserzione i volontari alle armi: se questo non mestare nel torbido…! Manifestare un diritto sacrosanto; riunirsi in assemblea altrettanto sacrosanto; ma se i manifestanti tentano di impedire ai congressisti di svolgere il loro programma naufraga il principio democratico che dovrebbe informare gli uni e gli altri.