PAVIA A Corvino San Quirico, nel ricordo del Galilea

    0
    174

    Fumo di Corvino San Quirico era tutta imbandierata per una commemorazione solenne: il 60 anniversario dell’affondamento della nave Galilea che trasportava gli alpini del battaglione Gemona, avvenuto nel mare Jonio il 28 marzo 1942.
    La celebrazione stata organizzata dal gruppo alpini di Casteggio e dalla sezione di Pavia, in collaborazione con il Comune di Corvino San Quirico e il patrocinio dell’Amministrazione provinciale, il Centro don Orione di Fumo e la Pro Loco. Era accorsa una folta rappresentanza di alpini provenienti da tutta la provincia di Pavia e da altre parti d’Italia, con i vessilli delle sezioni di Pavia, Parma, Bolzano, Vicenza e Bolognese Romagnola e 32 gagliardetti. Presenti anche rappresentanze
    di bersaglieri, carabinieri, marinai ed altre associazioni d’arma, la protezione civile alpina, la CRI, i Vigili del Fuoco, l’AVIS con le loro bandiere e i loro stendardi. Tra
    le numerose autorit, il prefetto di Pavia Alberto Ardia, il vice presidente dell’Amministrazione provinciale Romano Gandini, ben 28 sindaci (una rappresentanza davvero straordinaria che torna a loro onore!) e i generali alpini Roberto Abbiati e Vittorio Biondi.
    Dopo l’alzabandiera al Centro polifunzionale comunale e l’omaggio ai Caduti alle lapidi del cimitero con la deposizione delle corone d’alloro, cominciata la sfilata per le vie di Fumo tra gli applausi della gente. Il corteo si fermato di fronte alla scuola elementare dove alunni, insegnanti e genitori attendevano sventolando bandierine tricolori.
    Sono stati vissuti momenti di forte intensit emotiva e di grande commozione con un alzabandiera accompagnato dall’inno di Mameli cantato dagli scolari e seguito dalla consegna di due mazzi di fiori ai veci alpini Leonardo Chiara e Vincenzo Gaude, entrambi naufraghi del Galilea.
    Il corteo, accompagnato dalla banda musicale di Casteggio, poi proseguito verso il Santuario dedicato alla Madonna di Caravaggio, dove erano ad attendere una notevole folla e gli ospiti della locale Casa di Riposo. La Santa Messa stata celebrata dai cappellani alpini don Paolo Bussolini e don Giacomo De Francesco, ed stata accompagnata dai canti del coro Kodaly.
    La commemorazione ufficiale stata tenuta dal sindaco, alpino, di Corvino San Quirico, Angelo Arnoldi, che ha ricordato le fasi drammatiche della tragedia ed il sacrificio di 1243 uomini di cui 1100 alpini della Julia, quasi tutto il battaglione Gemona, ed ha ricordato che nostro dovere morale ricordare quei Caduti e tutti coloro che hanno perso la vita per la Patria. Conclusa la parte celebrativa, stato il momento degli incontri e dei racconti, sotto le tende allestite dagli alpini per il pranzo, al quale hanno partecipato anche tanti altri cittadini.