Lauree honoris causa

    0
    5

    Lo scorso mese di ottobre l’Università degli Studi di Bologna ha conferito la laurea honoris causa agli studenti Caduti nel corso del primo conflitto mondiale che, per cause diverse, non ottennero in passato il dovuto riconoscimento. Fra coloro che sono stati ricordati e onorati figurano anche tre “penne nere”: l’aspirante ufficiale Ermes Fiaccadori di Guastalla (Reggio Emilia) del 4º Alpini, il tenente Guido Ravera di Asti del 1º Alpini e il sottotenente Mario Silvestri, iscritto al corso di Matematica (biennio per ingegneri) della facoltà di Scienze matematiche, fisiche e naturali. Nato a Bologna il 9 novembre 1896, Silvestri fu assegnato all’artiglieria da montagna, 2º rgt. e partecipò alle cruenti battaglie difensive che nella tarda primavera del 1916 impedirono agli austro-ungarici di portare a compimento la “Strafexpedition”. Cadde da eroe a Monte di Mezzo “sui pezzi della sua batteria con la calma serenità dei forti” (secondo le parole del suo Capitano, riportate dal quotidiano “Il Resto del Carlino” del 24 giugno 2016) e fu decorato di Medaglia di Bronzo al Valor Militare. Ai tre Caduti vada il nostro deferente e sentito omaggio, rivolto alla memoria di tre giovani universitari che seppero onorare con il sacrificio della vita la loro devozione alla Patria, alla divisa e al cappello alpino.

    Mario Gallotta Gruppo di Ferrara, Sezione Bolognese Romagnola

    A questi dottori mancati (ma solo formalmente) anche la nostra riconoscente ammirazione, per aver conquistato la laurea di servitori della Patria. E un grazie particolare all’Università di Bologna, che ha voluto accendere un faro sulla storia ricordando i suoi allievi di valore.