L’alpino è ‘l-so capèl

    0
    162

    Non è l’unica e non sarà neppure l’ultima. La poesia che Pietro Cherubini ha dedicato al suo cappello alpino è soprattutto bella. Perché viene da chi orgogliosamente alla fine della guerra ha raggiunto la licenza elementare nel suo paese, Cellatica, a pochi chilometri da Brescia, dove le colline si inerpicano verso le Prealpi e le vigne da tempo immemore generano un pastoso vino rosso e dove, a quei tempi, alle medie andavano solo i figli “dèi siòri”. Bella perché più che una poesia è un ritratto umano. Pietro “Piero” Cherubini, classe 1935, sposato con Cesarina, due figlie e due nipoti, artigliere da montagna del 5º, gruppo Vestone, nel 1957 a Merano, e poi oltre trent’anni di lavoro in ferriera: quindi il meritato riposo diviso tra la famiglia e le sue tre grandi passioni, gli alpini, i canti degli alpini e il suo orto. Alle canzoni (ha militato a lungo nel coro Alte Cime della Sezione di Brescia) ha aggiunto spontaneamente la poesia. Nei suoi versi infonde le doti di umanità, simpatia e arguzia figlie di un tempo che rischiamo di conoscere sempre meno, quello dei nostri veci, esempi di semplicità, maestri di vita, dispensatori di consigli, allegria e consolazioni. Grazie, Piero, a té e al tò capèl… (ma. cor.)

    L’alpino è ‘l-so capèl

    Chèsta ‘l-è la stória dèl mé capèl, incredìbil mà éra, cüntada con quàtèr paròle, ‘na dümìnica dè séra. Èl capèl i mè l’ha dat, èl prim dé che so n’ dat vìà soldàt, sóta l’acqua e sóta la néf, ló portàt per disdçt-méss. Èl gà cùmpit i quarant’agn, lü ‘l-è töt tarmàt, a vardàl èl somèa miga le bufére ché l’ghà fàt. Quand èl mà-è ‘n mènt, mé ma récorde sèmper le dièertìde dè vià soldàt, tò crúmpat ‘nà bèla medaja, con sö l’Alpino còl mül tacàt. Söta èl capèl ön òm èl marciàa, con la cràata istìt dè la nàja, mé mé stèmàe a mitil söl cò, le s’cète le mè ardàa a pasà èn zò. A töte le fèste mé tó portat, e mai da sùl tà sét restàt, dòpò le fèste e le riuni§, tà porte con mé con dìussiù. ‘N-chèle sére né ciàre né scüre tà piegàet le s’cète anche chèle piö düre. Quando l’èstàt sö le montagne, tà mà sèrvièt dè gàvitì, tà mà fàèt béèr l’acqua fresca, südac come serèm, parièm pulsì. L’inverno sóta la nef, tà mà riparàet èl mé cò, a pensà come tà mét sèrvìt, mai a sé tà ringràsiarò. Passà i àgnn è dèentom vècc, prima o dpo i mè tàca al ciót, stàrom a vedèr i nòss s’cècc, sé come notér i sé là gót. Notèr èntàt tiròmsa èn bànda, è cantom ‘na cansù, domga scùlt ai proèrb vècc, che j-è chèi che mè dà risù. Cosa disèt càro capèl, tà restèt pròpe èl piö bèl, con sö là pèna, médaja e tricùlur, tignit èn mà ‘l-è un grànt’unùr. Tignit èn mà mitìt söl cò, fin chè scampé tà portarò. Chèsta l’è la storia dèl mé capèl, con piö ‘l vàrde e con piö ‘l-è bèl.

    Pietro Cherubini

    Il mio cappello

    Questa è la storia del mio cappello, incredibile ma è vera, raccontata con quattro parole, una domenica di sera, il cappello me l’hanno dato il primo giorno da soldato, sotto la pioggia e sotto le nevi, lo portai 18 mesi. Ha compiuto 65 anni lui è un po’ consumato, ma a guardarlo non crede alle bufere che ha fatto, il ricordo è sempre làò, il divertimento da soldato, ho comperato una medaglia con l’alpino al mulo attaccato, a tutte le feste l’ho portato e mai da solo è restato, dopo feste e manifestazioni lo tenevo con devozione, il ricordo di quelle sere né chiare né scure, piegavi le ragazze anche quelle più dure, quando l’estate sulle montagne mi servivi da gavettino, bevevo l’acqua fresca sudato come un pulcino, quando l’inverno sotto la neve coprivi testa e collo stavo attaccato al mio mulo come un francobollo. Passano gli anni, diventiamo vecchi, mi attaccheranno al chiodo, voglio vedere i nostri ragazzi se come noi sapranno godersela. Cosa dici mio caro cappello che rimani sempre il più bello, medaglia, penna e tricolore per me è un grande onore, solo con me e sulla mia testa anche il sabato è sempre festa, questa è la storia del mio cappello che a guardarlo è sempre più bello.