L’impresa di Monte Marrone

    0
    31

    Si è svolta anche quest’anno la giornata in ricordo dell’eroica azione di guerra compiuta dall’appena ricostituito battaglione Piemonte. 

     

    Già da tempo presso la località Col Rotondo, ai piedi delle Mainarde si riuniscono gli alpini molisani e i pochi reduci ancora in vita che compirono quell’eroica operazione di conquista della cima del Monte, togliendola ai tedeschi per dare alle truppe alleate la possibilità di controllare l’intera Valle del Volturno e proseguire l’avanzata verso la linea Gustav così da continuare la liberazione dell’Italia insieme alle truppe che si stavano ricostituendo.

    Siamo al 72º anniversario di quella data che segnò l’inizio del sanguinoso scontro con le schiere tedesche sfociato in un conflitto violentissimo che coinvolse l’antica Abbazia di Monte Cassino per proseguire l’avanzata verso Nord. Ai piedi della cima del Monte sormontata da una grossa croce in ferro, c’è il monumento costituito da 19 grossi cubi di pietra a simboleggiare le 19 regioni italiane che costituivano, all’epoca, l’intero territorio nazionale.

    Il monumento fu voluto e realizzato dai reduci del battaglione Piemonte che ogni anno si recano in pellegrinaggio per ricordare l’avvenimento. È volontà della Sezione Molise e dei Gruppi della zona, tra cui Colli a Volturno e Le Mainarde (nella foto), che questa cerimonia diventi presto un evento nazionale.

    Paolo Mastracchio