Kabul e Nassirya: un attentato e due incidenti, morti 2 alpini e un cavalleggero

    0
    178

    Grave attentato avvenuto all’alba a Kabul. Un ordigno è esploso al passaggio di una pattuglia italiana composta da tre veicoli Puma . Nell’esplosione è morto l’alpino Giorgio Langella, 31enne, in forza al 2º Reggimento Alpini di Cuneo. Langella era nato ad Imperia ed era sposato. Sul Puma , il terzo della colonna, si trovavano altri cinque militari, due sono gravi gli altri tre hanno riportato solo ferite leggere.
    I funerali di Giorgio Langella si svolgeranno venerdì 29 alle 10.30 nel Duomo di Cuneo, alla presenza delle più alte cariche istituzionali.

    Una settimana prima, sempre nei pressi di Kabul, nel rovesciamento di un Puma aveva perso la vita un altro alpino del reggimento di Cuneo, Giuseppe Orlando. Nell’incidente due alpini sono rimasti feriti.

    Ancora un incidente, questa volta a Nassiriya, in Iraq, alla vigilia del ripiegamento del contingente italiano sostituito dai militari iracheni. La vittima è il caporale maggiore scelto Massimo Vitaliano, del 19º reggimento cavalleggeri Guide di Salerno. La jeep sulla quale si trovava, come mitragliere, è stata investita da un camion ad un incrocio: Vitaliano ha riportato gravi lesioni al capo ed è morto poco dopo.

    Tutta la famiglia alpina è vicina ai nostri militari, e massimamente ai nostri alpini. I nostri militari in missione in terre tormentate e difficili onorano l’Italia con la loro professionalità e la loro umanità. Essi sono i veri portatori di pace.

    LASCIA UN MESSAGGIO NEL NOSTRO FORUM

    Giorgio Langella
    Il caporal maggiore capo scelto Giorgio Langella.