Il grande Zeno Colò

    0
    159

    Scrivo queste poche righe perché il Gruppo di Abetone desidera che in maggio venga ricordato, a trent’anni dalla morte, l’alpino Zeno Colò, grande uomo, eccelso atleta e valido alpino, morto il 12 maggio 1993. Come atleta è rimasto ancora l’unico italiano a vincere la Medaglia d’oro in discesa libera a Oslo nel 1952. Fu ingiustamente squalificato (dico ingiustamente) come i libri hanno scritto e riuscì a scappare con i suoi atleti in Svizzera dopo l’8 settembre per non correre sotto il regime fascista. Spero che il Gruppo venga accontentato.

    Mauro Colò, capogruppo di Abetone, Sezione di Firenze

    Ti accontento molto volentieri, caro Mauro. Zeno Colò, nato all’Abetone nel 1920, è stato uno degli sciatori italiani più forti di tutti i tempi, primatista mondiale del km lanciato e campione mondiale e olimpico di discesa negli anni Cinquanta. Il 12 maggio saremo all’Adunata di Udine e sarà bello ricordare proprio lì, in mezzo agli alpini di tutto il mondo, che in quel giorno, trent’anni prima, ci lasciava questa grande figura di sportivo cristallino e di vero alpino.