Il cerimoniale dell’Ana

    0
    11

    Ci vedremo presto ad Asti e, come ad ogni Adunata o simili occasioni, mi viene il dubbio se, entrando in una chiesa sia più giusto togliere l’amato Cappello in segno di rispetto, oppure tenerlo in testa per manifestare la nostra presenza nel luogo di culto non come semplici visitatori ma come alpini. 

    Quando accompagnavo il plotone a Messa in quel di Vipiteno o in uno sperduto borgo della Val d’Ultimo eravamo orgogliosi della nostra divisa tra gli sguardi astiosi degli abitanti altoatesini, ma erano altri tempi, anni ’60, tempi duri di attentati, allarmi e rancori che fortunatamente sono cambiati. Ora ci è rimasto il Cappello, oltre all’alpinità nell’animo. Posso tenerlo anche in chiesa? C’è chi dice di metterlo all’attenti e toglierlo poi, mi sembra un ridicolo su e giù. Grato di una risposta chiarificatrice, i miei migliori saluti e complimenti per l’ottima rivista.

    Luigi Delmiglio, Milano

    Le regole sono molto chiare e precise caro Luigi. Quando si entra in chiesa ci si toglie il cappello. Eccezion fatta per chi, a vario titolo, deve compiere un servizio, ad esempio l’alfiere o chi è di scorta al Labaro o ai vessilli.