Il calore di un incontro

    0
    20

    Il momento storico che stiamo attraversando impedisce i ritrovi e i momenti di convivialità e aggregazione così importanti per tutti noi, ma soprattutto per i più piccoli. Particolarmente sensibili a questa problematica, gli alpini del Gruppo Monte Casale, non hanno voluto rinunciare alla loro più tradizionale festa: la castagnata d’autunno offerta a tutta la comunità, ma quest’anno, in piena pandemia, proposta nel cortile della scuola primaria don Milani di Pietramurata.

    Cinque volontari hanno donato il loro impegno e il loro tempo per creare, rispettando tutte le norme anti-Covid, un momento di normalità e gioia nella scuola che li ha ospitati. Le castagne fanno parte di tanti momenti esperienziali di alunni e alunne che da sempre riempiono pagine di quaderni dove ne vengono descritte le mille virtù sia visive, sia gustative, sia olfattive per poi elogiarne il calore che procurano quando in famiglia si sbucciano seguendo antiche tradizioni che si rinnovano.

    Mai come quest’anno, insegnanti e bambini, hanno apprezzato questo scorcio gioioso di naturalezza dove tutt’intorno c’è paura dell’altro. Tutti gli alunni hanno rispettato la distanza di un metro l’uno dall’altra, si sono messi in fila ordinatamente con bicchiere e cartoccio da riempire di bibita e castagne. Hanno evitato affollamenti e seguito tutte le indicazioni per rendere ancor più speciale questa giornata diversa.

    L’entusiasmo nei loro occhi e il sorriso sulle loro labbra hanno suggerito agli alpini del Gruppo l’idea di trasformare in tradizione questo momento di “Castagne a scuola”, ripetendolo ogni anno e, si spera, negli anni a venire. I piccoli sanno essere riconoscenti e grati.

    Due alunni hanno letto un pensiero dedicato agli alpini manifestando stima e affetto:

    Uomini di fiducia e di speranza Uomini forti e orgogliosi Uomini non come gli altri, speciali Uomini che si impegnano per tutti Uomini a cui non importa delle diversità Sono gli alpini che hanno queste qualità. E per questo noi li ringraziamo! Cari Alpini, vi vogliamo ringraziare per tutto quello che fate, in particolare, per essere venuti anche in questo momento difficile a prepararci le castagne. Oggi ci scaldate lo stomaco con le castagne… e il cuore con la vostra gentilezza. Per ringraziarvi, abbiamo deciso di prepararvi un regalino (un piccolo calendario da tasca) e di cantarvi una canzone dedicata al nostro territorio, il Trentino. Abbiamo anche scritto per voi il testo della canzone. Speriamo che vi piaccia! Grazieeee!!!!

    Queste parole sono la consapevolezza che i valori fondanti del Corpo degli alpini, attraverso l’esempio delle grandi gesta e delle piccole azioni di bontà vengono trasmessi, assimilati e promulgati. I bambini sono la tradizione in erba che cresce e si diffonde di generazione in generazione. L’accoglienza ricevuta ha svelato un lungo lavoro da parte di alunni e insegnanti. Preparare una canzone non è semplice, è stato sicuramente frutto di un grande impegno.

    Dedicata alla nostra terra, è stata cantata mentre ordinatamente, in fila indiana, si accingevano a ricevere le gustose castagne. Successivamente i più piccoli hanno omaggiato il gruppo alpini con un bellissimo piccolo libro dedicato “Agli alpini un grande grazie!!!” ricco di dipinti dai mille colori a discrezione di ogni scolaro e firmati singolarmente. Infine ci è stata consegnata la pergamena ricordo con riportate le indimenticabili parole lette poco prima con allegata una copia della nuova canzone sul Trentino insieme a dei bellissimi cappellini di alpino fatti di carta colorata, apribili e all’interno con il calendario del 2021.

    Che dire, davanti al fuoco scoppiettante, all’aria riempita di fragrante profumo di caldarroste, alle festanti voci di grandi e piccini e all’operosità di coloro che ci hanno aiutato e supportato, la festa si è conclusa nella speranza che questa cooperazione continui e si possa ancora condividere con gli alpini: spaccati di vita scolastica, per vedere realizzati i nostri piccoli, ma anche grandi, progetti!