Il buon esempio

    0
    37

    Non ho svolto il servizio militare di leva nel Corpo degli alpini, ma in quanto Aggregato del Gruppo di Peschiera del Garda, Sezione di Verona, ne condivido intendimenti ed attività. Pertanto, non ho ricordi o aneddoti di carattere alpino da raccontare, memorie o gesta del valoroso passato degli alpini. Ne leggo gli episodi, i raduni periodici e l’Adunata nazionale, notizie descritte con particolare dovizia nella rivista da Lei diretta. Veniamo al dunque. Tutta questa breve premessa indispensabile per introdurre un argomento, meglio una parola, il cui significato è in stretta relazione all’attività degli alpini: esempio. Direi “buon esempio”. Gli alpini con la loro valorosa storia, sia durante i conflitti mondiali che durante il tempo di pace hanno dato prova di essere di riferimento alla popolazione, continuando a portarne avanti gli ideali e l’azione quotidiana con “il buon esempio”. Nella vita tutti abbiamo bisogno di riferimenti, di comportamenti, di modelli da imitare, seguendone gli esempi. È una necessità della vita che si manifesta sin dall’infanzia: dapprima con i genitori, a scuola, in parrocchia e nelle varie forme associative. Pertanto, il buon esempio, è un atto, un segno del comportamento, una dimostrazione indispensabile per la percezione di un futuro di speranza da parte, soprattutto, delle nuove generazioni. Di certo, ve n’è estremamente bisogno. Gli alpini rappresentano una felice realtà, meglio un modello da imitare e da prendere a riferimento, ripeto il classico buon esempio. Senza forse, dovremmo utilizzarne gli intendimenti, le forme, le capacità e l’organizzazione espresse nel bisogno e nella vita associativa.

    Francesco Melotti, San Benedetto di Lugana (Verona)

    Caro Francesco, con parole semplici, tu dici una verità fondamentale sulla trasmissione dei valori e la pedagogia da seguire. Nella vita tutto ciò che fa crescere avviene per attrazione, cioè in forza di testimonianze che ci affascinano e ci inducono a provare su noi stessi la bellezza di quanto abbiamo apprezzato. Il tutto per diventarne, a nostra volta, testimoni entusiasti e credibili.