Giovani bandiere

    0
    12

    Trecentocinquanta nuovi Tricolori sventoleranno all’ingresso delle scuole elementari della capitale. Sono stati donati dall’Associazione Nazionale Alpini agli alunni di Roma durante la Festa dell’Europa, celebrata in Campidoglio lo scorso 9 maggio, alla presenza del commissario straordinario di Roma Capitale Francesco Paolo Tronca e di Federica Mogherini, Alto rappresentante dell’Unione per gli Affari esteri e la politica di sicurezza.

     

    È stato un gesto simbolico forte, rivolto alle realtà in cui si formano i nuovi cittadini, a richiamare l’idea di unità nazionale, di solidarietà. Elementi a cui gli alpini sono molto sensibili e che da tanti anni sono impegnati a divulgare nelle scuole, in cui parlano non solo di storia, ma anche di protezione civile e di tutte quelle attività che rafforzano il senso civico.

    Dopo aver portato il saluto di tutte le penne nere in Italia e nel mondo il vice Presidente vicario dell’Ana Ferruccio Minelli ha ricordato proprio «l’importanza dell’assidua presenza degli alpini nelle scuole perché i giovani non perdano la memoria della tragedia delle guerre, perché diventino cittadini onesti che si ritrovano in piazza non per contestare e danneggiare, ma per inneggiare con orgoglio all’Italia e all’Europa». Parlando ai giovani Federica Mogherini ha definito l’Europa come «la nostra casa. È una grande famiglia e quando c’è bisogno d’aiuto lo si dà perché il problema è di tutti e tutti ce ne facciamo carico per essere felici tutti insieme».

    Tronca ha invece voluto «regalare ai giovani una parola nuova: legalità. Impararne il significato vuol dire vivere meglio, significa strade pulite, scuole più moderne…». I 1.500 alunni hanno portato un enorme Tricolore e una gigantesca bandiera dell’Europa sugli scaloni del Campidoglio. L’Inno alla gioia nell’aria, i palloncini blu lasciati volare in cielo e un cartellone realizzato dai ragazzi spiccava: c’era scritto “EUROPA: Essere Uniti Rende Ogni Persona Autentica”.