Di Gioia cala il tris

    0
    152

    Se la resistenza alla fatica, anche psicologica, fa parte del Dna degli alpini, il vincitore del campionato di corsa in montagna, Massimiliano Di Gioia, sicuramente ne ha da vendere. La regolarità e la tenacia, la volontà di non mollare, il soffrire venendo incalzati da altri concorrenti gli hanno garantito il gradino più alto del podio per la terza volta dopo l’oro nel 2013 e nel 2015.

    L’atleta della Sezione di Torino ha preceduto Paolo Bert della Sezione di Pinerolo e Pierluca Armati della Sezione di Bergamo. Il percorso, a detta degli esperti ideale per questi tipi di competizione, è stato tracciato su una mulattiera che nel primo tratto si inerpica e poi alterna tratti pianeggianti, di salita e discesa (come ad ogni campionato è stata prevista una variante per le diverse categorie).

    Il lungo, riservato ai più giovani, di 11,5 chilometri con un dislivello di 610 metri. Corto per i più veci, si snodava su un tracciato di 8 chilometri con un dislivello di 350 metri. Il 48º campionato Ana di corsa in montagna a Verbania ha visto la partecipazione di ben 540 atleti, con la gradita presenza di 35 donne. Preparare una gara ben riuscita non è cosa facile ma per chi, come gli alpini di Intra, si prepara ad ospitare l’anno prossimo il raduno di Raggruppamento in occasione del centenario di fondazione della Sezione, questo è un risultato promettente.

    Per la cronaca, la classifica per Sezioni ha visto primeggiare Bergamo, davanti alla Valtellinese e Varese. Il risultato forse meno visibile ma più importante è la voglia di misurarsi e di stare insieme con mero spirito alpino, contagioso anche per aggregati e amici.

    Mario Rumo