Da Verona e Roma l'olio per la lampada della Madonna del Don

    0
    72

    Le sezioni di Roma e di Verona hanno donato quest’anno l’olio per la lampada che arde davanti al quadro della Madonna, raccolta dalle rovine di una chiesa in Russia e portata in Italia, al convento dei frati cappuccini di Mestre. Questa dell’offerta dell’olio è una tradizione iniziata nel 1966 e molto sentita dagli alpini, tanto che l’offerta è preceduta da una serie di manifestazioni, a solennizzare la ricorrenza.

    Sabato 9 ottobre scorso, a rappresentare le due sezioni offerenti il vice presidente dell’ANA di Verona, Vanni e di Roma, Zantedeschi. Le cerimonie sono iniziate sabato con l’omaggio alla tomba di padre Policarpo Crosara, a Montecchio Maggiore e con un concerto, in Duomo a Mestre, dei cori Torre Venezia, Marmolada, del coro della brigata alpina Julia (particolarmente caro agli alpini) e del coro della sezione ANA di Latina, che ha stupito per la musicalità e per l’alpinità. Alla fine grandi applausi per tutti. Ha presentato i cori il presidente della sezione di Venezia Adriano Cristel, al quale si è aggiunto il prosindaco di Mestre Gian Franco Bettin che ha rimarcato come la cultura del ricordo sia garanzia affinché non si ripeta la tragedia della guerra.

    Domenica, monsignor Enelio Franzoni, reduce di Russia e medaglia d’Oro al Valor Militare ha celebrato una S. Messa al campo sulla piazza grande di Mestre, rievocando, all’omelia, la tragedia dei nostri militari italiani sul Don. Al termine sono state benedette cinque piastrine ed un’immagine della Madonna appartenuta a don Carlo Gnocchi, recuperate in un suo viaggio in Russia dall’alpino Ferdinando Sovran: le piastrine saranno consegnate ai familiari dei reduci, l’immaginetta sarà donata alla Fondazione Don Gnocchi. Da registrare anche una marcia, dalla riviera del Brenta a Mestre, di un gruppo di alpini della sezione di Verona e di altre sezioni guidati da Renato Buselli.

    Il prossimo appuntamento per l’offerta dell’olio, che spetterà alle sezioni di Valdagno e di Genova, è per l’8 9 ottobre 2005.