CREMONA-MANTOVA – Un monumento per il Gruppo

    0
    12

    Anche gli alpini di Mantova hanno finalmente il loro monumento. Alla presenza delle autorità civili, militari e religiose, in occasione delle manifestazioni legate al centenario della fine della Grande Guerra, il Gruppo di Mantova ha inaugurato l’opera (nella foto), dedicata agli alpini “andati avanti”. «È questo il miglior modo – ha affermato il Capogruppo Enrico Scattolini – per rendere onore non solo ai Caduti sul fronte della Grande Guerra, per cui Mantova vanta Medaglie d’Oro e d’Argento al Valor Militare, come il col. Antonio Gioppi e il capitano Arnaldo Berni, ma anche a tutti gli alpini che in tempo di pace hanno svolto in modo concreto l’attività di difesa dei valori di solidarietà, di amicizia e vicinanza alle popolazioni colpite da calamità naturali». Concetto ripreso dal Presidente della Sezione Cremona-Mantova, Carlo Fracassi, che ha elogiato l’operato delle penne mere mantovane «che hanno deciso di andare controcorrente costruendo e inaugurando un monumento dedicato agli alpini, quasi fossimo ritornati indietro di decenni. Un gesto – ha concluso Fracassi – che merita di essere sottolineato perché incornicia più di centocinquant’anni di storia alpina, sia in tempo di conflitti, che di pace». Alla cerimonia, fra le numerose autorità presenti, c’era anche il prefetto di Mantova, Sandro Lombardi che, prendendo spunto dalla presenza di numerosi bambini delle scuole primarie, ha ricordato come «sia basilare tramandare i valori che gli alpini incarnano anche alle nuove generazioni. Questo per sperare in un mondo migliore». Ha provveduto alla benedizione del monumento, dopo lo scoprimento dello stesso da parte del rappresentante del Comune di Mantova, l’assessore Iacopo Rebecchi, il sacerdote don Alberto Formigoni, alpino iscritto al Gruppo di Mantova. Tagliente la sua introduzione alla cerimonia: «Oggi non benediciamo una colonna in marmo – ha detto don Alberto – ma ciò che rappresenta, ovvero persone semplici che hanno compiuto gesti straordinari».

    Massimo Battisti