CREMONA – La marcia dell’ultima notte

    0
    78

    Sono stati oltre 150 i partecipanti alla prima edizione della “Marcia dell’ultima notte”, organizzata dal Gruppo di Castiglione d’Adda. All’imbrunire gli alpini sono partiti dal monumento ai Caduti e Dispersi in Russia, eretto nel piazzale della stazione di Casalpusterlengo (Lodi) e hanno percorso 7 chilometri di strade secondarie, nella campagna della Bassa Lodigiana, fino alla chiesina di Terranova dei Passerini. 

     

    Tra i tanti partecipanti c’erano la Presidente nazionale dell’Unirr Luisa Fusar Poli, il vessillo della Sezione di Cremona scortato dall’allora Presidente Carlo Fracassi, una decina di gagliardetti dei Gruppi della Sezione oltre a quello del Gruppo di Novi Ligure, i rappresentanti di altre associazioni d’Arma e i sindaci della zona.

    In corteo anche il coro del gruppo alpini di Melzo che ha animato i momenti di meditazione lungo il percorso, accompagnati dai brani del reduce della divisione Vicenza Luigi Bruschi, classe 1921. Alpini e autorità hanno partecipato alla benedizione di una formella in cotto, dedicata a don Carlo Gnocchi, posizionata sul muro esterno della chiesetta. Quindi la Messa, concelebrata dal vescovo di Lodi mons. Maurizio Malvestiti, dal Presidente della Fondazione don Gnocchi mons. Angelo Bazzari e dal parroco di Terranova don Gianni Dovera.

    Grande è stata la soddisfazione del Capogruppo Gigi Ferrari e degli alpini locali che hanno visto premiato il loro impegno organizzativo in questa “prima”. L’arrivederci è per l’11 febbraio 2017, sperando in una partecipazione ancor più numerosa.