CADORE – Cortina festeggia il centenario

    0
    123

    Il Gruppo di Cortina d’Ampezzo, guidato da Stefano Zampiron, ha festeggiato il suo centenario. Il Gruppo nacque il 1° ottobre del 1922, coevo alla Sezione Cadore, da un’idea di Francesco Da Rin reduce e ufficiale degli alpini, quale conseguenza dell’organizzazione della seconda Adunata nazionale proprio a Cortina l’11 settembre del 1921. Ad un gruppo di giovani ampezzani, tra cui ricordiamo Rinaldo e Roberto Zardini, si unirono ben presto altri ragazzi del luogo. I festeggiamenti per il centenario non potevano che iniziare dalla chiesetta di Pian de Ra Costazza “Vervei”, edificata dagli alpini nel lontano 1917, ricostruita nel 2000 dal Gruppo, in ricordo di tutti i soldati d’Europa per un messaggio universale di pace e diventata simbolo del Gruppo stesso. Alla Messa, celebrata da don Riccardo Parisenti, in ricordo dei Caduti di tutte le guerre, hanno partecipato il comandante del 6° Alpini di Brunico col. Italo Giacomo Spini e il cap. Anna Piazzi.

    Momento solenne dedicato ai Caduti quello al sacrario militare di Pocol ove è stata deposta una corona d’alloro sulla tomba del “Fante morto”. Gli intervenuti si sono quindi spostati a Pocol presso l’hotel Villa Argentina dove è stato presentato il libro del prof. Paolo Giacomel in ricordo del centenario del Gruppo. Le celebrazioni sono culminate nella sfilata di domenica lungo le vie di Cortina, a cui hanno partecipato numerosi vessilli e gagliardetti di molte Sezioni e Gruppi, compresa la Sezione di Milano, a confermare il legame fra le due città, in vista dei Giochi Olimpici e Paralimpici invernali del 2026. Il lungo corteo, accompagnato dal Corpo musicale di Cortina, è sfilato verso piazza Angelo Dibona dove, dopo l’alzabandiera, c’è stato il saluto delle autorità civili e militari.

    Sono intervenuti il consigliere nazionale Carlo Balestra e il presidente della Sezione Cadore, Antonio Toffoli, il sindaco alpino Gianluca Lorenzi e Flavio Lacedelli, presidente delle Regole d’Ampezzo e rappresentanti di altre autorità militari. Agli alpini di Cortina ultraottantenni e al col. Luciano Costa è stata consegnata una targa in bronzo a ricordo del centenario del Gruppo. La sfilata è poi proseguita fino al monumento al gen. Antonio Cantore, dove sono stati resi gli onori.

    l.o.