AUSTRALIA Una Casa dell'Alpino per conservare la cultura italiana

    0
    23

    Le penne nere della sezione di Melbourne guidata da Gaetano Tomada hanno posato la prima pietra per la nascita di un museo sulla storia dell’A.N.A. e della nuova sede, la Casa dell’Alpino.
    L’iniziativa della sezione australiana si inserisce nel progetto promosso in accordo tra l’Università di La Trobe e l’Italian Australian Institute, un ente senza fini di lucro guidato da Rino e Diana Grollo che incoraggia la difesa delle tradizioni italiane. In particolare i due enti hanno stipulato una collaborazione per promuovere la formazione di un centro di lingua e cultura italiana nel Campus di Bundoora (Melbourne).
    L’università ha affidato all’Italian Australian Institute uno splendido edificio nella zona di Mount Park, in cui verrà allestita una biblioteca che raccoglierà volumi e materiale sulla storia dell’emigrazione italiana e libri per lo studio dell’italiano e delle tradizioni del nostro paese. E proprio uno spazio di quest’edificio sarà riservato agli alpini: in questa nuova Casa dell’Alpino verranno esposti cimeli, scritti e foto che raccontano la storia delle penne nere. Vicende che, in fondo, sono anche un po’ la storia d’Italia. Un bravi, dunque, agli alpini di Melbourne: ancora una volta dimostrano di tenere ben salde le proprie radici e l’amore per la Patria lontana. (m.m.)