Aperto al Centro Don Gnocchi di Parma

    0
    47

    Con i fondi ricavati dalla vendita del libro In punta di Vibram , antologia di racconti degli allievi della SMALP.

    Nell’ambito delle manifestazioni collegate alla 78a Adunata nazionale degli alpini, è stato inaugurato lo scorso 13 maggio, al Centro S. Maria ai Servi Fondazione Don Gnocchi di Parma, il Sistema di informazione interattiva , una strumentazione multimediale per l’informazione che verrà utilizzata come supporto terapeutico delle persone disabili ospiti del Centro. Il Sistema di Informazione Interattiva è stato finanziato con il ricavato della vendita del libro In punta di Vibram , antologia di racconti ed immagini sulla Scuola Militare Alpina di Aosta (SMALP) , editore Arterigere di Varese, giunto attualmente alla seconda edizione e del quale L’Alpino ha scritto nei numeri di novembre 2004 e di aprile 2005.

    La donazione è stata un gesto di solidarietà che ha voluto rinsaldare l’affettuoso legame che unisce gli alpini alla Fondazione Don Gnocchi, nella riconoscente memoria del venerabile cappellano don Carlo Gnocchi. All’inaugurazione hanno presenziato tra gli altri, il sindaco di Parma Elvio Ubaldi, il presidente dell’Associazione Nazionale Alpini Corrado Perona, il presidente della Fondazione Don Gnocchi monsignor Angelo Bazzari, il presidente della sezione ANA di Parma, Maurizio Astorri il responsabile del coordinamento gestionale della struttura parmense della Fondazione Don Gnocchi Sergio Zattra e i componenti del Comitato di redazione dell’iniziativa In punta di Vibram , coordinata da Paolo Zanzi e diretta dallo scrittore Filippo Rissotto, che ha curato la parte letteraria del libro.

    Quest’ultimo, non potendo essere presente, è intervenuto in collegamento telefonico da Genova. A perenne memoria dell’evento è stata posta una targa dedicata agli allievi della SMALP che hanno contribuito alla realizzazione e alla divulgazione dell’antologia. Il successo di In punta di Vibram è stato tale che non solo ha permesso di raggiungere l’obiettivo di realizzare il Sistema di Informazione Interattiva alla Fondazione Don Gnocchi di Parma, ma ha convinto i membri del Comitato editoriale a proseguire l’impegno, trasformando il singolo episodio in una collana, che vede come secondo passo la ristampa del romanzo La Cinque (256 pagine, inserto di fotografie a colori, prefazioni di Corrado Perona e Bruno Pizzul, editore Arterigere), scritto da Filippo Rissotto.

    Con questa pubblicazione il comitato editoriale In punta di Vibram , presieduto da Paolo Zanzi, punta nuovamente a conseguire gli obiettivi perseguiti fin dall’inizio e raggiunti grazie anche alla preziosa collaborazione del partner unico Vibram Spa: affermare la validità dell’esperienza fra gli alpini e sostenere altre iniziative della Fondazione Don Gnocchi. Ricordiamo che Il Centro S. Maria ai Servi di Parma si trova all’interno del cinquecentesco convento dei Servi di Maria, adibito nell’800 a caserma e poi a infermeria militare.

    Dopo la seconda guerra mondiale fu trasformato in centro di rieducazione per minori mutilati a cura dell’assistenza post bellica, con successivo affidamento alla Pro infanzia mutilata di don Carlo Gnocchi. Dalla metà degli anni ’70 il Centro ha subito una profonda trasformazione: ai mutilatini e ai poliomielitici sono subentrati pazienti di tutte le età portatori di diverse disabilità, diventando un moderno Centro di riabilitazione neuromotoria e cardiologica.